Villasanta

L’oca Reginaldo, la mascotte dell’oratorio, finisce… in padella

L’oca, custodita per qualche giorno all’ingresso del centro giovanile di Villasanta dal coadiutore don Simone Sanvito, è stata cucinata

L’oca Reginaldo, la mascotte dell’oratorio, finisce… in padella
Cronaca Vimercatese, 23 Febbraio 2021 ore 10:45

L’oca Reginaldo, la mascotte dell’oratorio “Don Bosco” di Villasanta, finisce… in padella.

Questo il triste destino dell’oca Reginaldo diventata una sorta di mascotte dell’oratorio.  Il coadiutore, don Simone Sanvito, lo aveva annunciato la scorsa settimana: “Reginaldo, futuro salame per la comunità”, aveva scritto sui Social. E così è stato.

Reginaldo aveva conquistato il cuore di grandi e piccini

Nel giro di pochi giorni ha conquistato non solo i cuori di grandi e piccini, ma anche il palato di don Sanvito. Nonostante le tante dimostrazioni d’affetto, il suo destino era già segnato e per Reginaldo non c’è stato nulla da fare.
E così è finito “al macello”, diventando cibo delizioso soprattutto per gli amanti del patè e del salame d’oca.

Una sorte già segnata

Una immagine, quella di Reginaldo, che ha raccolto tantissimi like e commenti, divisi tra chi concordava con le intenzioni culinarie del sacerdote (c’era anche chi consigliava una bella cassoeula d’oca che dicono sia buonissima) e chi, invece, avrebbe preferito continuare a sentire gli starnazzi degli animali.
In realtà la sorte di Reginaldo, ribattezzato così in onore alla celebre oca del cartone animato della Disney «Gli Aristogatti», era già segnata. Un ultimo viaggio prima della padella, come ha spiegato il sacerdote al Giornale di Vimercate.

LA NOTIZIA COMPLETA LA POTRETE LEGGERE SUL GIORNALE DI VIMERCATE IN EDICOLA A PARTIRE DA OGGI, MARTEDI’ 23 FEBBRAIO 2021

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli