Trovata anche l'arma del delitto

Femminicidio Vicenza, arrestato il marito killer: si nascondeva in un'abitazione

Pierangelo Pellizzari era barricato in un edificio vicino alla propria casa. Aveva ancora in tasca la pistola usata per assassinare la moglie.

Femminicidio Vicenza, arrestato il marito killer:  si nascondeva in un'abitazione
Glocal news 11 Settembre 2021 ore 15:40

Era salito a bordo di un'auto ed era scappato via facendo perdere le tracce. Ma le Forze dell'ordine hanno da subito concentrato le attenzioni nei dintorni della casa della coppia. Ed è stato proprio lì, a poca distanza dall'abitazione che è stato trovato il presunto killer, il 61enne Pierangelo Pellizzari. Come riporta Prima Vicenza, era barricato in un edificio con la pistola usata per assassinare la moglie Rita Amenze, ancora in tasca.

Femminicidio Vicenza, arrestato il killer

E' stato appena arrestato dai Carabinieri Pierangelo Pellizzari, il 61enne accusato di aver ucciso colpi d'arma da fuoco la moglie 31enne Rita. Era in un'abitazione che si trova non distante dalla casa in cui viveva con la donna assassinata sotto gli occhi dei colleghi. Quando è stato trovato dai Carabinieri aveva ancora la pistola usata per uccidere la moglie in tasca.

LEGGI ANCHE: Uccisa a colpi di pistola davanti agli occhi delle colleghe: si cerca il marito-killer

La moglie ha provato a proteggersi dalla sua ferocia

L'omicidio è avvenuto venerdì 10 settembre 2021: appena scesa dalla sua auto la vittima, che si apprestava a iniziare il turno di lavoro a Noventa Vicentina, è stata affrontata dal marito e colpita da quattro proiettili esplosi in rapida sequenza.  Colpi che sono stati avvertiti dai colleghi della donna.

Sembra che negli ultimi tempi la donna avesse intenzione di lasciare il compagno, che non accettava la sua decisione.

LEGGI ANCHE: Femminicidio di Noventa, la vittima voleva lasciare il marito

Si era barricato

La vittima avrebbe tentato di ripararsi con le braccia, poi sfiorate dai proiettili. Alla fine il killer ha esploso un colpo in aria per garantirsi la fuga in auto. I testimoni hanno riferito che l'uomo si è comportato con estrema calma: dopo aver sparato ha rimesso la pistola in tasca, è montato a bordo di una Jeep e poi è fuggito, dandosi alla macchia. Sino a oggi pomeriggio, quando è stato preso.

Necrologie