scoperta shock

Allevamento teneva carcasse di maiali nelle stalle e le dava come cibo agli altri animali

E' successo in un allevamento di Fossano, in provincia di Cuneo.

Allevamento teneva carcasse di maiali nelle stalle e le dava come cibo agli altri animali
Glocal news 08 Settembre 2021 ore 16:21

Fin da subito i Carabinieri forestali che hanno eseguito il controllo si sono trovati davanti agli occhi una situazione igienico-sanitaria piuttosto preoccupante, con decine e decine di carcasse di maiali abbandonate in stato avanzato di putrefazione sul piazzale centrale dell'allevamento. Ma la cosa ancora più scandalosa è che i cadaveri dei suini morti sono stati rinvenuti anche nei locali adibiti alla stabulazione, lasciate liberamente al consumo alimentare degli altri animali.

Carcasse di maiali abbandonate nelle stalle dell'allevamento

Uno stato di totale abbandono e una situazione igienico-sanitaria indecente. Come raccontato da Prima Cuneo, i carabinieri forestali hanno individuato un allevamento nel Comune di Fossano (Cuneo) dove venivano abbandonate a cielo aperto e nelle stalle decine e decine di carcasse di maiali.

Un controllo coadiuvato dal personale del servizio veterinario dell’Asl, avvenuto in un'azienda che allevava circa duemila esemplari di suini. Tante le irregolarità registrate dai militari forestali dell'Arma.

La cosa che ha lasciato più sconvolti ha riguardato le decine di carcasse di maiali in avanzato stato di putrefazione accumulate sia nel piazzale dell’azienda, sia nei locali adibiti alla stabulazione, abbandonate e lasciate addirittura al consumo alimentare degli altri animali.

Le altre carenze igienico-sanitarie

Insieme al rinvenimento dei cadaveri dei maiali, i carabinieri forestali hanno segnalato anche stalli obsoleti, di dimensioni non adeguate, tali da provocare ferite e patologie agli animali presenti e che non presentavano sistemi di scolo dei liquami.

I veterinari, constatate le numerose irregolarità strutturali e le carenze igienico sanitarie della gestione, hanno valutato che la detenzione degli animali fosse incompatibile con la natura degli stessi e produttiva di gravi sofferenze. La titolare dell’azienda è stata segnalata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cuneo per reati in materia di gestione dei rifiuti e di tutela per il sentimento verso gli animali. Altre sanzioni amministrative in ambito di sanità ed igiene animale saranno elevate al termine di ulteriori accertamenti.

LA SITUAZIONE DELL'ALLEVAMENTO:

3 foto Sfoglia la gallery
Necrologie