Glocal news
altro che prova dell'abito...

Si mette a sparare con una pistola in stazione: "Volevo provarla per il mio matrimonio"

Fermato dalla Polizia Locale a Pioltello un 40enne: eccitato dal suo ultimo acquisto ha pensato di provarlo subito. Fortunatamente era un'arma a salve.

Si mette a sparare con una pistola in stazione: "Volevo provarla per il mio matrimonio"
Glocal news 13 Ottobre 2021 ore 11:15

Eccitato dal suo ultimo acquisto, non ha resistito a provarlo subito. Peccato che l'oggetto acquistato fosse una pistola e lui abbia voluto utilizzarla immediatamente in un luogo pubblico. E così, una volta sceso dal treno e arrivato in stazione ha sparato qualche colpo, lasciando tutti i passanti nel panico più totale.

Ma quel che lascia più interdetti è la spiegazione che ha dato   agli agenti della Polizia Locale intervenuti sul posto, ai quali ha dichiarato che aveva acquistato l'arma per festeggiare il suo matrimonio e che i colpi sparati erano serviti come prova.

Spara in stazione per provare la pistola

I colpi di arma da fuoco hanno echeggiato per tutta la stazione e scatenato il panico tra passeggeri e passanti. Come raccontato da Prima La Martesana, un uomo sulla quarantina è stato denunciato per aver esploso alcuni colpi di arma da fuoco senza alcun motivo alla stazione di Pioltello Limito (Milano).

Il fatto si è verificato sabato 9 ottobre 2021 verso le 17,30. Pochi istanti dopo l'accaduto è stato segnalato agli uomini della Polizia Locale di Pioltello e Rodano che hanno inviato una pattuglia sul posto. Gli agenti  intervenuti hanno visto un uomo con in mano una pistola. Immediatamente hanno proceduto a disarmarlo e a bloccarlo, temendo che si potesse trattare di qualcosa di serio. Apparentemente, infatti, l'arma in suo possesso sembrava una normalissima pistola e anche il rumore dei colpi esplosi poteva trarre in inganno. Da un esame immediatamente successivo si sono resi conto che si trattava di un'arma caricata a salve.

"Una prova per il matrimonio"

Ciò che ha lasciato di stucco gli agenti ha riguardato le motivazioni degli spari in stazione. L'uomo, straniero, ha spiegato agli agenti di aver regolarmente acquistato la pistola a salve in un'armeria di Milano. All'interno della custodia oltre all'arma vi erano anche alcuni proiettili. Giunto nei pressi di Pioltello, prima di rientrare a casa, ha pensato bene di fare una prova e di sparare qualche colpo senza ragionare sul comportamento potenzialmente pericoloso.

Quando gli uomini della Polizia Locale  gli hanno chiesto a cosa servisse l'arma, ha candidamente risposto che l'aveva acquistata per festeggiare il suo matrimonio e i colpi sparati erano serviti come prova per verificare il funzionamento della pistola. L'arma è stata sequestrata e l'uomo è stato denunciato per disturbo per la quiete pubblica. Dovrà anche rispondere di alcune violazioni in materia di possesso e uso di armi.

Necrologie