Tragedia

Infermiera si getta nel fiume, lavorava nel reparto di Terapia intensiva

La donna, di 49 anni, era a casa da un paio di giorni febbricitante in attesa dei risultati del tampone per il Covid-19.

Infermiera si getta nel fiume, lavorava nel reparto di Terapia intensiva
19 Marzo 2020 ore 09:00

Si occupava delle persone colpite dal Covid-19 la 49enne infermiera che ieri, mercoledì 18 marzo 2020, si è tolta la vita gettandosi nelle acque del Piave a Cortellazzo, in provincia di Venezia. Lavorava nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Jesolo, lungo il litorale Veneto.

Si getta nel Piave, era in attesa dei risultati del tampone

Non sono note le motivazioni del gesto estremo. La donna era in attesa dell’esito del tampone per Covid-19 e, a causa della febbre, aveva lasciato da un paio di giorni il reparto per rimanere a casa.

L’infermiera lavorava da poco in Terapia intensiva

Si era offerta lei di scendere in prima linea in questa emergenza Coronavirus. Fino a poco tempo fa lavorava in Medicina Riabilitativa, ma quando quello di Jesolo è diventato un Ospedale Covid-19 aveva chiesto di poter prestar soccorso alle vittime del contagio.

Sconcerto da parte dei colleghi dell’ospedale di Jesolo

A Jesolo era tornata da qualche anno, era il “suo” ospedale dal 1991, fatta eccezione per una parentesi dal 2012 al 2016 a San Donà di Piave. Sconcerto e dolore hanno espresso i vertici dell’Azienda sanitaria per la perdita di “una risorsa insostituibile per i colleghi”.

Da Prima Venezia

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia