Al supermercato

Ladro indossa un costume da donna sotto i vestiti e ci infila 12 bottiglie di vino

Sembra incredibile, eppure l'aderenza del costume al corpo gli ha permesso di occultare perfettamente il maltolto.

Ladro indossa un costume da donna sotto i vestiti e ci infila 12 bottiglie di vino
24 Giugno 2020 ore 17:16

Più che un ladro… un autentico genio del male. S’è inventato di indossare sotto i vestiti un costume intero da donna in modo da poterci infilare merce rubata dagli scaffali del supermercato. E, sembra incredibile, ma è riuscito a infilarci ben 12 bottiglie di vino pregiato! A guardarlo, sembrava un tipo qualunque, solo un po’ in sovrappeso: non l’avrebbero mai beccato se il responsabile della sicurezza non avesse riconosciuto il ladro, volto noto, più volte fermato in precedenza per taccheggio in altri punti vendita della zona.

Un piano quasi perfetto…

Da Prima Verona

Nel primo pomeriggio di ieri, 23 giugno 2020, il personale della sicurezza del supermercato Famila di Castelnuovo del Garda, in Provincia di Verona, informava i Carabinieri di Peschiera del Garda che pochi minuti prima un uomo dell’est Europa era stato fermato all’uscita dell’esercizio commerciale poiché aveva tentato di allontanarsi senza pagare della merce.

Sotto i vestiti 12 bottiglie di vino

Sul posto, in pochi minuti una gazzella: il responsabile della sicurezza riferiva ai militari che il soggetto fermato, già a lui noto in quanto autore di episodi simili in altri punti vendita della stessa catena, aveva nascosto della merce sotto i propri abiti e che aveva tentato di allontanarsi senza pagarli alle casse, pertanto, era stato fermato ed accompagnato negli uffici della sicurezza.

Ladro indossa un costume da donna

Perquisito dai carabinieri, il ladro veniva trovato in possesso di ben 12 bottiglie di vino pregiato (Amarone e Brunello di Montalcino del valore di quasi 290 euro) accuratamente nascoste all’interno di un costume da donna intero indossato sotto gli abiti e la cui aderenza al suo corpo consentiva di occultare perfettamente il maltolto.

Staccata anche la targhetta antitaccheggio

I Carabinieri della Stazione di Peschiera del Garda restituivano al personale della sicurezza la merce recuperata e procedevano all’arresto di N.A.I., tenuto conto anche di alcuni presupposti che rendevano ancor più grave il tentativo di furto da questi commesso, cioè il danneggiamento delle confezioni poiché aveva staccato la targhetta antitaccheggio, evidentemente per evitare l’attivazione dell’allarme all’uscita, e che il costoso vino non era certamente un bene di prima necessità.

NON PERDERTI ANCHE: Bulletti provocano la Polizia ferroviaria soltanto per diventare “famosi” su Instagram VIDEO SCONCERTANTE

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia