Cronaca

Caos Villa Reale, interviene l’Anac: “Subito chiarimenti sul recesso del contratto”

La segnalazione all'Autorità nazionale anticorruzione era partita dal consigliere regionale Marco Fumagalli

Caos Villa Reale, interviene l’Anac: “Subito chiarimenti sul recesso del contratto”
Altro Monza, 27 Novembre 2020 ore 13:12

Caos Villa Reale, interviene l’Anac: “Servono chiarimenti”. Un intervento che è arrivato dopo la segnalazione del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Marco Fumagalli circa la mancata segnalazione da parte del Consorzio di gestione all’Autorità nazionale anticorruzione, “dell’inadempimento contrattuale e del grave illecito professionale che l’appaltatore ha causato”.

Caos sull’atto di recesso

Al centro della vicenda c’è la decisione, comunicata esattamente un anno fa, di Nuova Villa Reale – società costituita dal raggruppamento di imprese che aveva vinto il bando europeo per il recupero e la valorizzazione del  primo lotto della Reggia di Monza assicurandosi anche la gestione del corpo centrale per 22 anni – di procedere col recesso anticipato del contratto, pretendendo contestualmente il pagamento di un maxi indennizzo da oltre 8 milioni di euro. Risarcimento che il concessionario chiede al Consorzio di gestione del bene in qualità di “somme dovute per penali, copertura costi e recupero dell’investimento”.

Il risultato di tutto ciò è che il corpo centrale del bene pubblico è chiuso ormai da mesi, con i lavoratori appesi a un filo (sono in cassa integrazione da marzo) e con la prospettiva di una lunghissima battaglia in Tribunale.

L’intervento del consigliere Fumagalli

Della vicenda si è interessato il consigliere regionale pentastellato Marco Fumagalli che ha provveduto a segnalare all’Anac, l’Autorità nazionale anticorruzione, “il mancato adempimento del Consorzio Villa Reale relativamente al recesso contrattuale con il concessionario”.

“Il Consorzio ritiene che nulla dovesse essere segnalato ad Anac – ha fatto sapere il consigliere Fumagalli – Io sono di parere diverso visto anche che la Regione aveva chiesto un parere alla Corte dei Conti la quale si è poi dichiarata incompetente per materia”.

Il Consorzio aveva ribattuto sostenendo di aver respinto già a gennaio del 2019 l’atto di recesso “in quanto ingiustificato”, diffidando lo stesso concessionario “a svolgere con diligenza i compiti affidati con la concessione sottoscritta nel 2011 fino al termine della stessa”.

La richiesta dell’Anac

E, da parte sua, l’Autorità ha deciso di intervenire e di avanzare formale richiesta di informazioni (nonché l’invio di tutta la documentazione a supporto della risoluzione contrattuale), sia all’Amministratore unico di Infrastrutture Lombarde Spa (stazione appaltante) che al Direttore generale del Consorzio.

TORNA ALLA HOME PAGE

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità