Il dato a Lissone

Coronavirus, undici morti e 110 casi positivi

La situazione è stata illustrata dal sindaco Concetta Monguzzi, mentre il prevosto di Lissone ha pregato fuori dal cimitero

Coronavirus, undici morti e 110 casi positivi
Monza, 30 Marzo 2020 ore 14:19

Il Coronavirus, nonostante i macrodati dimostrino un leggero stazionamento della situazione nazionale, continua a colpire a Lissone. I dati sono stati confermati direttamente dal sindaco.

Coronavirus, ancora morti

Sono undici a ieri sera, domenica, i lissonesi che hanno perso la vita a causa del Coronavirus mentre sono 110 i residenti risultati positivi al tampone e 119 le persone sottoposte a regime di sorveglianza attiva.

Questi i numeri confermati nella serata di ieri dal sindaco Concetta Monguzzi.

A loro e alle loro famiglie va sempre la nostra vicinanza, la nostra forza ed energia perchè riescano a superare questo periodo di difficoltà. Per dimostrare il nostro affetto e la nostra vicinanza e dimostrare le nostre condoglianze alle famiglie, martedì 31 marzo a mezzogiorno io sarò fuori dal Palazzo del Comune ed osserverò un momento di silenzio.

Così il primo cittadino che ha confermato il suo “abbraccio virtuale” alle famiglie delle vittime e delle persone ricoverate, iniziativa sostenuta anche da Anci Lombardia.

La solidarietà prima di tutto

I volontari della Protezione civile della sezione lissonese ieri, domenica, hanno raccolto 150 maschere subacquee dalle donazioni di famiglie di Lissone, Muggiò e Vedano.

Un grande grazie a tutti voi che avete risposto all’appello delle maschere subacquee. Ne sono arrivate tante. La Protezione civile le ha raccolte sul Comune di Lissone, di Vedano e di Muggiò e le ha consegnate al punto di raccolta provinciale. Abbiamo detto “basta” da un certo punto perchè insieme a quelle raccolte negli altri Comuni avevamo raggiunto il numero sufficiente. Però il mio grazie va anche a chi si è messo in lista e si è proposto.

Ieri mattina anche il prevosto di Lissone don Tiziano Vimercati ha voluto pregare con i cittadini e con i fedeli direttamente dal camposanto principale.

Il sacerdote, infatti, ha registrato un breve video di preghiera dal cancello di piazza delle Rimembranze (il camposanto è stato chiuso al pubblico) per unirsi idealmente ai tanti che in queste settimane hanno perso un parente, una persona cara o un amico.

Il prevosto, che ogni domenica alle 18 celebra la messa dalla Prepositurale dei Santi Pietro e Paolo (qui la celebrazione di ieri, domenica 29 marzo) insieme agli altri sacerdoti della città (rispettando le regole di sicurezza), ha ricordato come in occasione delle sepolture dei defunti è possibile contattare la segreteria per chiedere la presenza dei religiosi per un minuto di preghiera direttamente al camposanto alla sola presenza dei familiari più stretti.

(foto Protezione civile Lissone)

DOMANI, MARTEDI’, IN EDICOLA LA NUOVA EDIZIONE DEL GIORNALE DI MONZA

TORNA ALLA HOME

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia