Menu
Cerca
Occasione

I cittadini intervistano la ricercatrice che lotta contro il Covid

E' l'interessante iniziativa del Comune di Veduggio con Colzano. Protagonista sarà la microbiologa Claudia Sala

I cittadini intervistano la ricercatrice che lotta contro il Covid
Altro Caratese, 24 Febbraio 2021 ore 09:14
Quante domande ognuno di noi ha sul Covi-19? Tantissime. Il Comune di Veduggio con Colzano offre ai cittadini la possibilità di porgerle a un'esperta: la veduggese Claudia Sala, ricercatrice del MAD lab della Fondazione Toscana Life Sciences, impegnata nella ricerca sugli anticorpi monoclonali per la cura del virus.

Cittadini divengono giornalisti per un giorno

E' possibile inviare le domande per la dottoressa Claudia Sala entro venerdì 26 febbraio 2021, all'indirizzo di posta elettronica istruzione-cultura@comune.veduggioconcolzano.mb.it. Il Comune si occuperà della selezione in vista dell'intervista alla ricercatrice, trasmessa sui canali social comunali.
Un'occasione da non perdere perché il  lavoro svolto dalla microbiologa veduggese è fondamentale, tanto da meritarsi il Premio Talamoni proprio per il prezioso operato in campo scientifico. Al fianco del dottor Rino Rappuoli, tra i maggiori esperti mondiali nel campo dei vaccini (a lui si deve gran parte del lavoro per il vaccino contro il meningococco), ha collaborato alla scoperta di quello che si può definire un «miracolo naturale». Si chiama «MAD0004J08» ed è l'anticorpo monoclonale che si è dimostrato più potente contro il coronavirus: un’iniezione proteggerà le persone sane per sei mesi e curerà gli ammalati. Sarà pronto entro l'estate secondo quanto detto da Rappuoli intervenendo ad Agorà, su Rai 3, e si è dimostrato efficaci anche contro le tre principali varianti del coronavirus, quindi quella inglese, sudafricana e brasiliana.

Laurea in Scienze biologiche: è tornata in Italia da Losanna

La veduggese Claudia Sala ha ottenuto la laurea in Scienze Biologiche e il dottorato in Scienze Genetiche e Biomolecolari all’Università degli Studi di Milano. Ha lavorato come post-doc nei laboratori del professor Stewart Cole, prima all’Istituto Pasteur di Parigi e poi all’Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne (EPFL), dove ha poi ricoperto il ruolo di senior scientist. Recentemente si è trasferita a Siena, presso la Fondazione Toscana Life Sciences (TLS), nel gruppo diretto dal dottor Rino Rappuoli, e compie ricerche nell’ambito dello sviluppo di nuovi vaccini. I suoi interessi principali includono le malattie infettive, lo sviluppo di nuovi farmaci contro la tubercolosi, i vaccini, la microbiologia molecolare e la biosicurezza.

Necrologie