Con il mercatino della San Vincenzo a Cesano è già Natale

Appuntamento all'auditorium Disarò il 25 e il 26 novembre

Con il mercatino della San Vincenzo a Cesano è già Natale
16 Novembre 2017 ore 09:52

Tradizionale mercatino di Natale della San Vincenzo de Paoli di Cesano Maderno sabato 25 e domenica 26 novembre. Il mercatino si svolgerà nell’auditorium Paolo e Davide Disarò di piazza Monsignor Arrigoni. “Per noi – dice il presidente Roberto Villa – è un importante momento d’incontro con la cittadinanza che viene a farci visita con entusiasmo e trova sempre nuovi addobbi natalizi, articoli di biancheria e oggetti molto utili realizzati e ricamati a mano da alcune delle nostre volontarie dalle mani di fata, tante piante aromatiche e prodotti equo solidali. Per il secondo anno consecutivo, le Acli di Cesano Maderno ci donano generi alimentari di qualità provenienti da aziende colpite dal terremoto dell’Umbria, che già tanto gradimento hanno riscosso lo scorso anno”.

Non solo bancarelle

I bambini avranno la possibilità di imbucare le letterine nella cassetta rossa di Babbo Natale e, se saranno fortunati, lo potranno anche incontrare.
Venerdì 24 novembre, alle 20.30, in Sala Aurora di Palazzo Borromeo, ci sarà un concerto di musica classica.  Il giorno dopo, alle 20.30, torneo di burraco di solidarietà. Le offerte saranno devolute alle attività della San Vincenzo.

La San Vincenzo è in città dal 1944

La San Vincenzo de Paoli opera a Cesano dal 1944 ed oggi conta ventisette volontari e tantissimi “amici e sostenitori”.
“Lavoriamo a stretto contatto con i Servizi Sociali del Comune – spiega il presidente Roberto Villa – per il sostegno di alcuni casi, e ci occupiamo di tante famiglie che per svariati motivi sono in difficoltà, costruendo un percorso progettuale su ognuna di loro. Abbiamo tantissimi sostenitori che erogano donazioni fiscalmente deducibili e ci permettono di continuare a sostenere i progetti in atto”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia