Carate Brianza

Il Comune premia le attività con le targhe pagate al nuovo compagno dell’assessore

La fornitura dei 14 attestati consegnati nei giorni scorsi in villa Cusani alla società dell’imprenditore legato a Eleonora Frigerio.

Il Comune premia le attività con le targhe pagate al nuovo compagno dell’assessore
Attualità Caratese, 11 Luglio 2021 ore 18:00

La fornitura e la realizzazione delle quattordici targhe che l’Amministrazione comunale ha assegnato domenica l’altra alle attività e ai negozi storici della città premiati in villa Cusani sono state commissionate e pagate alla società dell’attuale compagno dell’assessore al Commercio, Eleonora Frigerio.

Il Comune premia le attività con le targhe pagate al nuovo compagno dell’assessore

Come riportato nel servizio in edicola sul Giornale di Carate, lo si apprende dalla determina numero 413 del 24 giugno con la quale il funzionario di settore, Massimiliano Belletti ha assunto un impegno di spesa dell’importo di 1.342 euro (Iva compresa) approvando il preventivo e impegnando la somma a favore della ditta «Victory Communication» di Monza, di cui amministratore unico è Claudio Mirabella, imprenditore di 55 anni, attuale compagno dell’assessore, avvocato Frigerio.

Un affidamento diretto e legittimo

Un affidamento diretto e legittimo a livello legislativo per importi inferiori a 40 mila euro e che per acquisti inferiori a 5 mila euro non rileva nemmeno obblighi di ricorso al MePa (il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione), ovvero quella piattaforma utilizzata dalle Pubbliche amministrazioni per fare acquisti dalle aziende o ad altri diversi mercati elettronici.

Ma, di certo, un affidamento che è finito per essere chiacchierato sul piano dell’opportunità, dato il recentissimo rapporto che lega l’assessore di Forza Italia e il 55enne imprenditore monzese, come ha segnalato anche una lettera indirizzata nel fine settimana al nostro settimanale che ci ha invitato ad approfondire i risvolti della determina.

Lo abbiamo fatto, constatando effettivamente che la società «Victory Communication» risulta amministrata proprio da Claudio Mirabella, attuale compagno dell’assessore (come testimoniano peraltro anche le foto recenti della coppia pubblicate sulle pagine social dell’avvocato di Forza Italia, ndr) rappresentante dell’impresa aperta nell’agosto del 2000 e che si occupa di prestazione di servizi promozionali e pubblicitari, di realizzazione di supporti grafici, editoriali e multimediali.

"Ci ha fatto un favore: pagate all’osso e senza ricavi..."

Il favore? Un risparmio per le casse del Comune rispetto al budget a disposizione e 143 euro di guadagno netto, Iva compresa, per la società che ha realizzato le targhe.
L’assessore al Commercio, Eleonora Frigerio l’ha definita «una situazione assurda e paradossale». E lo ha fatto mostrandoci con trasparenza le relative fatture della ditta del compagno al quale l’Amministrazione comunale ha affidato, con determina, la fornitura delle targhe in plexiglass per la cerimonia di premiazione delle attività e dei negozi storici. Una è quella pagata dalla «Victory Communication» di Monza al fornitore delle targhe - attestato pari a 1.199 euro; l’altra è quella rilasciata invece al Comune dell’importo di 1.342 euro.

"Quattordici targhe pagate all’osso, consegnate direttamente senza spese e senza di fatto ricavi regalandoci l’elaborazione delle grafiche - spiega l’assessore - Siamo arrivati praticamente tiratissimi con i tempi a ridosso della cerimonia, con l’ufficio oberato di impegni. Mi sono resa disponibile, condividendo questa situazione con il sindaco, a chiedere un favore al mio compagno che aveva peraltro realizzato gratuitamente le locandine di “E...state a Carate” e considerato anche il budget molto risicato di 1.500 euro che avevamo a disposizione. Gli abbiamo chiesto di “fare un miracolo”, che è arrivato e questo è il risultato... Una situazione paradossale - conclude Frigerio - che, a mio giudizio, scade anche nel ridicolo se si pensa che il guadagno effettivo di questo affidamento è stato di 143 euro, non un centesimo di più...".

Necrologie