Attualità
LA STORIA DELLA SETTIMANA

A 71 anni mette in fila tutti in moto, La Rocca trionfa sulla Honda

Una passione coltivata fin da giovane che avuto un po' in là con le primavere uno sviluppo sorprendente ed entusiasmante.

A 71 anni mette in fila tutti in moto, La Rocca trionfa sulla Honda
Attualità Desiano, 15 Ottobre 2022 ore 12:29

A 71 anni ha messo tutti in fila in sella a una moto e si è preso la soddisfazione di vincere il titolo del Trofeo MotoEstate.

Non certo un’impresa di tutti i giorni quella che ha visto protagonista nella tappa conclusiva sul circuito di Cremona, Eliseo La Rocca, desiano doc che in molti in città conoscono per la sua lunga attività con una stazione di servizio prima su via Milano davanti all’Hotel Amalfi poi lungo la strada dopo l’ospedale quasi al confine con Cesano Maderno.

A 71 anni mette in fila tutti in moto

La Rocca alla guida di una Honda si è aggiudicato l'edizione 2022 della competizione che si è articolata in cinque tappe da maggio a fine settembre sui circuiti di Varano (Parma), Magione (in Umbria) e Cremona.

Appassionato di motori (non si perde una gara di MotoGp e Superbike), dopo aver rinunciato a portare avanti da giovane l’idea di correre in auto ("I costi dei corsi erano davvero proibitivi allora, non potevo permettermeli"), in là con le primavere (ma solo per il riscontro della carta d’identità e non certo per l’entusiasmo che è sempre stato quello di un ragazzino) per La Rocca si è presentata l’opportunità di correre in moto.

Come è nato tutto, il racconto del protagonista

Come è nato tutto lo racconta proprio il protagonista:

"Sono sempre andato in moto su strada, poi nel 2001 ho comprato una Suzuki e mi hanno regalato due giorni in pista. Avevo 50 anni e ho fatto queste due prove su un circuito".

Casualità ha voluto che in quel momento ci fossero presenti due piloti famosi, Walter Tortoroglio e il compianto Fabrizio Pirovano che hanno spinto La Rocca a portare avanti questa esperienza:

"Purtroppo, con il lavoro che facevo non potevo cimentarmi con una certa costanza, ma ci ho poi riprovato più tardi, a 61 anni, partecipando al Trofeo Amatori".

Appuntamento con il destino, la moto "ai box" per un po'

Un’esperienza che venne però subito «stoppata» dalla quotidianità della vita. Anche in questo caso è il 71enne a raccontare come è andata, non senza commozione:

"Purtroppo mia moglie si ammalò di tumore, non era un percorso semplice quello che doveva affrontare. La precedenza era per la famiglia e per stare al suo fianco e così sono stato fermo fino al 2016. Nel frattempo però mia moglie è guarita e oggi rappresenta la mia forza".

La nuova occasione, l'appuntamento col successo

L’occasione però si presentò ancora ed è stata quella decisiva quando nel 2017 Paolo Cristini, un pilota del Trofeo MotoEstate "notò" Eliseo e gli chiese di unirsi al loro gruppo.

Dopo un periodo di "apprendistato" con prove su alcuni circuiti tra cui anche il Mugello, nel 2018 sono arrivate le prime gare ufficiali.

"All'inizio è stato un po' un disastro, non mi trovavo con le gomme e sono anche caduto due volte, fortunatamente senza conseguenze – racconta entusiasta il 71enne - Poi però ho preso il ritmo giusto e in questa edizione, nonostante l'altissima tecnologia della moto Honda, sono sempre salito sul podio conquistando il titolo dopo un bel duello con un giovincello di 33 anni".

Seguici sui nostri canali
Necrologie