Attualità
Sanita'

A Giussano è partita la Centrale operativa territoriale

Altre tre, nel corso del 2023 saranno avviate: a Vimercate, Lissone e Desio

A Giussano è partita la Centrale operativa territoriale
Attualità Caratese, 05 Ottobre 2022 ore 11:29

Dopo la Casa e l’Ospedale di Comunità, a Giussano  parte anche la Centrale operativa territoriale,  terzo pilastro della riforma del sistema sanitario lombardo.

Cosa fa la COT

Presso il presidio ospedaliero di via Milano è entrata in funzione questa settimana,  la prima COT,  che afferisce all’ASST diretta da Marco Trivelli, ma che che cos'è? La Centrale Operativa Territoriale favorisce e coordina i percorsi e i processi di presa in carico del paziente.  In questa prima fase la COT ha avviato la sua attività a partire dai progetti di dimissione protetta del paziente fragile: dal reparto ospedaliero, alla struttura, ad esempio, riabilitativa o per sub acuti o di cure intermedie. “Attraverso la Centrale sono attivati tutti gli attori delle rete socio sanitaria – ricorda Grignaffini – che sono chiamati ad intervenire sul territorio, nel percorso di cura e assistenza del paziente”.

I prossimi step

Prossimi step della COT, saranno  la cura dei servizi domiciliari e la presa in carico del paziente cronico, con il supporto di interventi di tele monitoraggio del paziente a domicilio. Alla COT di Giussano operano 5 infermieri di famiglia o di comunità: “potranno avvalersi – sottolinea il direttore socio sanitario - della piattaforma digitale messa già a disposizione delle case e dell’ospedale di comunità, da parte dell’ASST. Un unico sistema, dunque, per condividere e mettere in relazione, azioni e interventi”.

A quella avviata a Giussano ne seguiranno altre tre  nei prossimi mesi, da ultimare entro il 2023: partiranno a Vimercate, Lissone e Desio, ovvero una per ogni Distretto.

Seguici sui nostri canali
Necrologie