Attualità
Il progetto

A scuola di natura nel Parco di Monza

Rivolto alle scuole, il progetto è sostenuto da Fondazione Cariplo e svolto in partnership da CREDA e Fondazione Lombardia per l'ambiente.

A scuola di natura nel Parco di Monza
Attualità Monza, 09 Novembre 2021 ore 12:50

Prendono il via i nuovi progetti di educazione ambientale del Centro per la Sostenibilità dei Mulini Asciutti. Il Parco di Monza si trasforma dunque in un grande laboratorio a cielo aperto dove gli studenti possono comprendere il valore della biodiversità e contribuire a
conservarla.

A scuola di natura nel Parco di Monza

Grazie al sostegno di Fondazione Cariplo prende il via il progetto Custodi di biodiversità, una proposta di citizen science per conoscere le specie infestanti, imparare a monitorarle e aiutare i ricercatori nella conservazione della biodiversità dei nostri ambienti naturali. Gli esperti di CREDA Onlus e della Fondazione Lombardia per l’Ambiente, in collaborazione con il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, accompagneranno docenti e studenti delle scuole del territorio con incontri di formazione e uscite sul campo in un percorso di conoscenza degli strumenti utilizzati per il monitoraggio ambientale, la raccolta dei dati e la loro elaborazione.

Tante proposte

Oltre alla biodiversità, le nuove proposte per le scuole del Centro per la Sostenibilità dei Mulini Asciutti si sviluppano su quattro diverse aree tematiche: l’antico mulino ad acqua e l’alimentazione, scienza e natura, arte e natura e la nuova sezione su stem e tecnologia.
Tutte le proposte condividono alcune caratteristiche, che sono il suscitare interesse e curiosità verso l’ambiente e la scienza attraverso l’esperienza diretta, l’avere un approccio multidisciplinare, stimolare alcune competenze trasversali quali la creatività, il pensiero critico, la collaborazione.

Per rispondere sempre meglio alle esigenze della scuola, è stata anche lanciata un’indagine online in cui i docenti possono indicare nuovi temi che vorrebbero fossero trattati nel prossimo futuro. Per partecipare è sufficiente visitare la pagina relativa all’educazione ambientale presente sul sito del centro: www.creda.it.

Necrologie