Attualità
Rivoluzione

Abolito il divieto di sosta per pulizia strade

Dall'1 novembre a Monza non sarà più necessario spostare l'automobile

Abolito il divieto di sosta per pulizia strade
Attualità Monza, 14 Ottobre 2021 ore 11:55

Una rivoluzione lungamente attesa dai cittadini. Dall'1 novembre a Monza non ci sarà più il divieto di sosta per pulizia strade. Non sarà, infatti, più necessario ricordarsi di spostare l'automobile dalla strada nei giorni di pulizia (evitando così la relativa multa). Questo grazie al nuovo sistema di pulizia delle strade lanciato dal Comune di Monza in collaborazione con l'Impresa Sangalli.

Mai più divieto di pulizia strade

E' questa la più roboante delle novità del nuovo appalto di Igiene urbana del Comune di Monza presentato oggi, mercoledì 13 ottobre, dal sindaco Dario Allevi e dall'assessore all'Ambiente Martina Sassoli. "Non c'era mai piaciuta questa cosa e avevamo promesso che ci saremmo impegnati per risolvere il disagio - ha annunciato il sindaco - Premetto che sarà una fase sperimentale quella che parte dall'1 novembre che dovrà valutare che il servizio di pulizia funzioni anche senza spostare le auto. Saranno impiegati mezzi meccanizzati e minispazzatrici per le vie più strette, mi auguro che tutto funzioni e che possa diventare un servizio definitivo, risolvendo il problema della sosta per i cittadini".

Monza più pulita

Sono tante altre, comunque, le novità della campagna "Monza più pulita". "Una fase  nuova, che vuole rispondere alle richieste dei cittadini e che porta il nuovo capitolato a sognare e realizzare una Monza più pulita", ha rimarcato anche l'assessore Sassoli, ringraziando i 167 operatori della Sangalli al lavoro per l'igiene urbana. Tra i nuovi servizi anche il numero WhatsApp per le segnalazioni di situazioni da pulire, abbandoni etc. che si aggiunge al numero verde e alla mail, l'attivazione della raccolta differenziata in centro storico con la distribuzione di 150 nuovi cestini chiusi e con lo spazio per i mozziconi e infine l'avvio della sperimentazione sulla tariffazione puntuale.

La lotta agli scarichi abusivi

Per fronteggiare l'odioso fenomeno degli scarichi abusivi e dell'abbandono di rifiuti, invece, il Comune ha deciso di installare un centro ambientale mobile sotto forma di container per il conferimento di alcune categorie di rifiuti, come oli, lampadine, rifiuti elettrici e vari. Questo per disincentivare lo scarico abusivo di chi non si reca correttamente in discarica. In questo caso il container si sposterà (probabilmente seguendo i giorni di mercato) nei vari quartieri. Sempre nei rioni arriveranno anche dieci isole ecologiche presso i centri civici, che prevedono il conferimento dei rifiuti differenziati in situazioni di emergenza (ad esempio prima di partire). Infine, maggiore attenzione sarà data ai luoghi della Movida, con due operatori  incaricati di svuotare con particolare riguardo i cestini riempiti in serata a cui si aggiunge il servizio di spazzamento in via Bergamo il giovedì da giugno a settembre.

Nuovi servizi domestici

Da lunedì 15 novembre entreranno in vigore anche novità per le utenze domestiche: confermato lo stralcio a domicilio del verde e il recupero degli ingombranti (su appuntamento), si aggiungerà anche il servizio di ritiro di pannolini e pannoloni (previa registrazione sul sito o al numero verde). Anche per i negozi saranno incentivate alcune raccolte di cassette di legno e plastica, cartoni e imballaggi così da aumentare la raccolta differenziata (anche nei mercati). "Ma la vera rivoluzione è lo spreco zero, reso possibile anche dal servizio di recupero di pneumatici, scarpe usate e alberi di natale veri tra dicembre e gennaio, in questo caso perché siano ripiantati. E' questa oggi la vera sfida, evitare lo spreco e favorire il ricircolo", ha chiosato Sassoli. E sempre in questa ottica si sta lavorando per arrivare a far pagare ai cittadini la tassa rifiuti in base a quanto realmente si produce (in pratica premiando chi ricicla di più e meglio). "Il prossimo passo sarà studiare questa possibilità, raccogliendo i dati per poi arrivare alla tariffazione puntuale e inserire la raccolta differenziata nel Parco di Monza, secondo in Italia solo al Colosseo per frequentazione".

Necrologie