Attualità
Seregno

Aggiungi quattro posti a tavola per accogliere chi è fuggito dalla guerra

La famiglia Diotti accoglie una mamma e i tre figli che hanno lasciato l'Ucraina.

Aggiungi quattro posti a tavola per accogliere chi è fuggito dalla guerra
Attualità Seregnese, 02 Aprile 2022 ore 15:00

Da due settimane la famiglia Diotti è... più numerosa. I genitori, Chiara e Marco, rispettivamente di 47 e 53 anni, insieme ai figli Claudia (20 anni), Samuele (16), Anna (13) e Matteo (7) hanno deciso di aprire la loro casa a Viktoriia (Vicka), 31enne, che ha lasciato l’Ucraina con i tre figli: Vladyslava (Vlada) di 9 anni, Valeriia (Lera) di 6 e Yarolsav (Yarik) di 4.

Aggiungi quattro posti a tavola per accogliere chi è fuggito dalla guerra

«Siamo molto felici con la famiglia Diotti che ringraziamo per tutto quello che sta facendo per noi, Chiara in particolare ci sta aiutando molto con i bambini - è il messaggio di Vicka, tradotto da una delle cognate - Ci hanno accolti come se fossimo parte della loro famiglia».

La famiglia seregnese si è subito messa a disposizione: «Abbiamo risposto alla richiesta di spazi da parte del Comune per poter ospitare le persone appena arrivate dall’Ucraina - spiegano Chiara e Claudia Diotti - Nel giro di poche ore siamo stati contattati, inizialmente per ospitare una mamma con due figlie, poi ci è stato comunicato che c’era bisogno di una casa per quattro persone. Ci sembrava fattibile e abbiamo accettato».

I preparativi

Sono iniziati così i preparativi: «Grazie alla Caritas e agli scout abbiamo recuperato letti, coperte e tutto il necessario per poterli sistemare nella nostra taverna. Tempo due giorni e i tutor del Comune li hanno accompagnati da noi, insieme alle due cognate ucraine di Vicka, che vivono in zona, ma purtroppo non possono ospitarli e hanno fatto da interpreti».
Mamma e figli arrivano da Odessa. «Ci hanno raccontato che la loro città è  ancora tranquilla, anche se viene continuamente sorvolata dagli elicotteri. Il loro viaggio è stato molto faticoso: è durato sei giorni, perché hanno dovuto attraversare tutta l’Ucraina tra treni e pullman, portando con loro solamente i documenti e poco altro. Il papà è dovuto rimanere in Ucraina, ma si sentono regolarmente».

La difficoltà maggiore è quella linguistica: «Non è semplice comunicare, anche se con i bambini basta davvero poco, un gioco o un sorriso, per capirsi. Sono sereni e hanno già imparato qualche parola di italiano e noi di ucraino».

L'accoglienza è arricchimento

C’è la fatica, ma anche la consapevolezza che accogliere qualcun altro sia un arricchimento: «Stiamo imparando a condividere quello che abbiamo e a confrontarci con una realtà diversa dalla nostra. Se noi fossimo al loro posto, vorremmo ricevere la stessa accoglienza e possiamo solo immaginare come si sentano loro: si sono ritrovati da un giorno all’altro in un Paese che non conoscono, di cui non parlano la lingua, a casa di sconosciuti».

Chi accoglie una famiglia ucraina non viene lasciato solo: «Il Comune è sempre presente attraverso i due tutor. La Casa della carità fornisce una prima accoglienza e la possibilità di avere un pacco con i beni di prima necessità. I bimbi hanno avuto dei problemi di salute e, sempre tramite la Casa della carità, sono seguiti da un pediatra, molto disponibile. E appena possibile inizieranno l’inserimento alla scuola Rodari».

Non tutti possono ospitare una famiglia ucraina, ma ognuno può dare il proprio contributo: «Si può aiutare in tanti modi, magari mettendo a disposizione del tempo per aiutare le associazioni del territorio, dalla Caritas alla Scuola di italiano per stranieri, oppure supportando le famiglie che hanno accolto queste persone».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie