Attualità
Concerto dei Lions

Al Teatro Manzoni concerto jazz con Paolo Tomelleri a sostegno della RSD San Pietro

Lo spettacolo è in programma mercoledì 16 marzo.

Al Teatro Manzoni concerto jazz con Paolo Tomelleri a sostegno della RSD San Pietro
Attualità Monza, 22 Febbraio 2022 ore 15:12

Correva l’anno 2020, precisamente l’8 marzo, quando veniva annunciata la sospensione di concerti e spettacoli e la chiusura di luoghi solitamente aperti al pubblico. Si apriva, così, la stagione delle restrizioni e dei lockdown.

Il concerto dei Lions programmato per quei giorni veniva quindi sospeso. Oggi fortunatamente arriva la conferma che tutti gli inviti acquisiti a marzo 2020 potranno essere sostituti in modo da poter partecipare al prossimo spettacolo, in programma mercoledì 16 marzo al Teatro Manzoni di Monza con la partecipazione di Paolo Tomelleri.  Per la sostituzione dei vecchi ingressi o per le nuove prenotazioni basta telefonare al numero 039 39051 tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00.

Al Teatro Manzoni concerto jazz con Paolo Tomelleri a sostegno della RSD San Pietro

Paolo Tomelleri proporrà un adattamento musicale di brani tratti da film italiani, opere di grandi musicisti quali: Ennio Morricone, Enzo Jannacci, Giorgio Gaber, Armando Trovajoli, Piero Piccioni, Piero Umiliani e molti altri compositori!

“Anche quest’anno – dichiara Sergio Pozzi Presidente del Lions Club Monza Parco - siamo in prima fila per sostenere una causa grande e benefica. Potremo apprezzare il jazz di Paolo Tomelleri, la bella musica della Big Band di Luca Missiti, accompagnata dalla coinvolgente voce di Celeste Castelnuovo e nel contempo fare un’opera buona a sostegno delle persone malate di SLA ed in Stato Vegetativo della
RSD San Pietro”.

Ancora una volta, dunque, i Lions Clubs rinnovano il loro sostegno a Progetto SLAncio!

“Non ci stancheremo mai di ringraziare – afferma Roberto Mauri, Presidente della Cooperativa La Meridiana - i diversi Lions Clubs di Monza e Brianza che ogni anno organizzano un bellissimo concerto a sostegno dei progetti della RSD San Pietro. La pandemia ha reso tutto più difficile. Le relazioni sono state messe a dura prova. I nostri malati, oltre che vivere una grande sofferenza, a causa di patologie come la SLA o come lo Stato Vegetativo, hanno visto ridurre la presenza e le visite dei propri cari. Gli operatori sanitari hanno svolto un
lavoro encomiabile, al limite dell’eroico. La pandemia ha richiesto un impegno straordinario e, malgrado le diverse ondate di Covid19, non ci siamo arresi. Anzi. Abbiamo deciso di rilanciare e di attivare nuovi progetti in modo da sostenere le persone del Progetto SLAncio e migliorare, per quanto possibile, la loro qualità della vita. La rivista Scriveresistere, il primo magazine al mondo scritto con gli occhi, è una grande opportunità per le persone malate di SLA di comunicare e di mettersi in relazione con il mondo.”

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie