Attualità
Inaugurazione

Aperta da oggi la nuova piattaforma ecologica di Carate Brianza

Questa mattina l'inaugurazione alla presenza del sindaco Luca Veggian e degli assessori regionali Fabrizio Sala e Raffaele Cattaneo.

Aperta da oggi la nuova piattaforma ecologica di Carate Brianza
Attualità Caratese, 01 Marzo 2022 ore 14:56

Questa mattina, martedì 1 marzo, alle 9, l’Amministrazione di Carate Brianza ha inaugurato la nuova piattaforma ecologica in via Lombardia. Il taglio del nastro è arrivato a tre anni e mezzo dall’avvio dell’iter che la Giunta di centrodestra ha messo in cima alle priorità di mandato e a cui dato seguito, non appena insediata, per far fronte alla chiusura improvvisa, nel 2017, dell’ex sito di stoccaggio di via Tagliamento a causa della presenza di biogas nel sottosuolo in seguito a un’ordinanza dell’allora sindaco Francesco Paoletti.

Aperta da oggi la nuova piattaforma ecologica di Carate Brianza

Questa mattina hanno preso parte all'inaugurazione il sindaco Luca Veggian, l'Assessore regionale all'Istruzione Fabrizio Sala e l'assessore regionale all'Ambiente Raffaele Cattaneo. Inoltre hanno partecipato diversi studenti della primaria e della secondaria di primo grado, che hanno presentato degli elaborati tematici realizzati nei laboratori scolastici. Ma anche le autorità cittadine e non solo, insieme ai vertici di «Gelsia», la società che si occuperà della gestione dell’impianto comunale.

"Sarà che la piattaforma ecologica tutti noi cittadini di Carate l'abbiamo fortemente voluta. Sarà stata l'attesa, sarà stata la presenza dei bambini, ma l'emozione era quella delle grandi occasioni. Quella di oggi non è stata un'inaugurazione come le altre. C'era qualcosa in più. La consapevolezza di avere contribuito a mettere a disposizione della comunità una struttura tanto utile e desiderata" - è stato il commento del sindaco Veggian a conclusione della mattinata.

WhatsApp Image 2022-03-01 at 13.36.29
Foto 1 di 4
WhatsApp Image 2022-03-01 at 13.36.34
Foto 2 di 4
WhatsApp Image 2022-03-01 at 13.36.44
Foto 3 di 4
WhatsApp Image 2022-03-01 at 13.36.50
Foto 4 di 4

Un servizio che mancava in città da più di quattro anni

La nuova piattaforma - dotata di due ingressi con sbarra automatica (a cui si accede muniti di tessera sanitaria), due pese in entrata e in uscita, un sistema di videosorveglianza su tutta l’area e fotovoltaico - "è la prima grande opera che andiamo a consegnare alla città", ha inoltre orgogliosamente rivendicato il primo cittadino nei giorni scorsi.

"Restituiamo alla comunità un servizio primario che mancava da ormai più di quattro anni ... Arrivare a condurre in porto un intervento di questa portata dopo tre anni e mezzo è per noi motivo di grande soddisfazione. Alla piattaforma abbiamo dedicato da subito impegno ed energie: in sei mesi abbiamo concluso il progetto e lo abbiamo interamente finanziato, senza accendere un centesimo di mutuo e senza attingere a risorse accantonate perché non ve ne erano a questo scopo, ma attraverso operazioni di bilancio studiate. E’ ancora più motivo di orgoglio per noi - ha proseguito - averlo fatto in un periodo segnato da due anni di emergenza mondiale legata alla pandemia e facendo fronte alle lungaggini burocratiche che hanno rallentato l’avvio dei lavori. Con questa nuova opera abbiamo cancellato la pesante eredità lasciata da chi ci ha preceduto e che, senza una programmazione chiara, ha prodotto nel tempo ordinanze di proroghe su una struttura in dismissione, per poi pensare a un intervento di consolidamento, prima di battere la strada di un accordo con altri Comuni senza addivenire a un progetto per arrivare a scadenza di mandato, dopo 5 anni, a individuare in fretta e furia un’area pubblica nel Pgt per l’edificazione dell’impianto. Voglio anche ricordare - ha concluso Veggian - che, parallelamente al progetto della nuova piattaforma, abbiamo gestito da subito l’emergenza della mancanza del servizio definendo un accordo con il vicino Comune di Verano, per l’utilizzo in convenzione della loro isola ecologica per garantire ai cittadini un servizio all’altezza di quel nome mettendo da parte soluzioni improvvisate e scadenti come quelle che avevano portato a piazzare container a fianco del centro sportivo trasformato per settimane in discarica".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie