Attualità
Come donare

Besana per l'Ucraina: attivata una raccolta di materiale sanitario

Già da oggi è possibile acquistare nelle farmacie del territorio il materiale che poi verrà inviato nell'ospedale Chernivtsi.

Besana per l'Ucraina: attivata una raccolta di materiale sanitario
Attualità Caratese, 02 Marzo 2022 ore 11:55

Anche Besana si mobilita per l'Ucraina e per la sua popolazione.

Besana per l'Ucraina: attivata una raccolta di materiale sanitario

Grazie ad un canale diretto con l'ospedale Chernivtsi, costruito da una concittadina besanese di origini ucraine in Brianza da molto tempo, nelle ultime ore è partito da Besana un primo carico di medicinali diretto nel presidio ospedaliero ucraino.

Ora però arriva l'appello del sindaco Emanuele Pozzoli, affinché tutti i besanesi si attivino per donare quello che possono alla popolazione ucraina.

La raccolta besanese è incentrata sul materiale sanitario: proprio per questo già da oggi è possibile recarsi in una delle quattro farmacie presenti sul territorio e acquistare materiale sanitario da lasciare direttamente in farmacia; oppure recarsi al lunedì sera alle 21 presso la sede della Protezione Civile a Montesiro per fare la propria donazione. Non serve tutto, come sottolineato dal Primo cittadino, ma materiale preciso:

  • Bende
  • Ovatta
  • Cerotti
  • Lacci emostatici
  • Antidolorifici
  • Antinfiammatori
  • Antisettici
  • Tintura di Iodio

"Non possiamo voltarci dall'altra parte"

"Speravo di non fare più appelli ai cittadini - ha sottolineato Pozzoli in un video pubblicato sulla pagina Facebook del Comune di Besana - ma appena usciti (sembra) dall'emergenza Covid ci ritroviamo di nuovo travolti da qualcos'altro che ci tocca umanamente. Ho personalmente assistito all'arrivo di un bambino ucraino nella nostra città: vedere in televisione commuove. Vedere di persona è come un pugno nello stomaco, è qualcosa che non ti può lasciare indifferente. Quindi non possiamo voltarci dall'altra parte"

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie