Attualità
Monza

Buon Pastore, il comitato organizzerà un flash mob di sensibilizzazione

Preoccupazione per lo sviluppo futuro della storica area

Buon Pastore, il comitato organizzerà un flash mob di sensibilizzazione
Attualità Monza, 16 Settembre 2021 ore 19:00

Un flash mob per sensibilizzare sulla questione e un incontro con l’Amministrazione comunale e con i proprietari dell’area.

Flash mob e incontro con Comune e proprietà

Sono questi i prossimi passi che intende intraprendere il Comitato Buon Pastore che teme il futuro sviluppo edilizio del comparto che si trava in un’area centrale e storica della città.

«Non siamo molto contenti di quanto sta accadendo - ha affermato la presidente del Comitato Buon Pastore Rita Caldarelli - Siamo in attesa della Sovrintendenza ma alcuni decisioni già prese ci lasciano perplessi. Tutta l’area è sottoposta a vincoli, non solo la villa, e mi chiedo come si possa dare il permesso di edificare in più in un primo tempo l’indicazione era che gli edifici non avrebbero dovuto superare i due piani mentre ora si parla di costruzioni di 11-12 piani».

Secondo Caldarelli sono diverse le questioni che non lasciano tranquilli i comitati e i residenti della zona per il progetto per cui è stata avviata la fase di assoggettabilità alla Vas, la valutazione ambientale strategica.

"Notevole impatto sul traffico"

«Nel progetto si parla di 200 appartamenti e box - ha aggiunto - Ci sarà quindi un notevole impatto sul traffico, sui parcheggi che oggi vengono utilizzati dai docenti delle scuole, e sull’inquinamento acustico e ambientale, in più l’uscita dei garage sarà proprio davanti alle scuole».

Caldarelli è anche preoccupata per la sorte che toccherà agli alberi del parco.

«Si tratta di piante monumentali che abbiamo tentato di inserire nel registro - ha osservato - Poi c’è il parco della villa uno esempio unico di parco urbano del primo Novecento... Per sensibilizzare sulla natura di un luogo che non tutti conoscono abbiamo in programma di organizzare un flash mob coinvolgendo anche le scuole e altre realtà, oltre a chiedere un incontro con la proprietà e l’Amministrazione comunale. Intanto si stanno formando anche altri comitati come quello dei residenti...».

 

Necrologie