Menu
Cerca
Sanità

Da Carate Brianza uno studio sui parti durante la pandemia

Una ricerca condotta dal reparto Maternità del presidio valuta la soddisfazione delle donne nel periodo del Covid.

Da Carate Brianza uno studio sui parti durante la pandemia
Attualità Caratese, 10 Giugno 2021 ore 12:17

Uno studio realizzato nel reparto Maternità dell'ospedale di Carate Brianza per confrontare la soddisfazione delle donne che hanno partorito durante la pandemia Covid-19.

La ricerca dell'ospedale di Carate Brianza

Lo studio è stato condotto  da Annalisa Inversetti, Serena Mussi, Debora Ferrari e Anna Locatelli, medici della struttura ospedaliera. L'obiettivo della ricerca, come detto, è stato confrontare la soddisfazione materna del parto e dopo la nascita durante la pandemia Covid-19 rispetto all’ epoca pre-Covid. Le pazienti arruolate?

Donne che hanno partorito durante la pandemia (tra marzo e maggio 2020) confrontate ad un gruppo di altre donne che hanno partorito in periodo pre-Covid, reclutate nello stesso contesto, nel periodo di febbraio-maggio 2018. Le dottoresse del reparto Maternità hanno indagato i diversi aspetti del vissuto della donna. La soddisfazione alla nascita è stata valutata in relazione alle caratteristiche socio-demografiche, alla storia delle precedenti gravidanze e all’ assistenza intrapartum.

I risultati

Sono state incluse 377 donne (277 nel periodo pre-Covid e 100 durante la pandemia Covid).  Da punto di vista dell’assistenza si sono osservati, ad esempio, un più alto tasso di induzione del parto (40%, Covid contro 25% pre-Covid), più accelerazioni con ossitocina, l’ormone che induce al travaglio (35% Covid contro il 24,9% pre-Covid) e complessivamente meno casi con durata prolungata del travaglio - oltre le 12 ore (6% Covid contro 15% pre-Covid). Non sono state segnalate differenze in termini di soddisfazione alla nascita

Conclusioni

Le donne che hanno partorito a Carate Brianza durante la pandemia da Covid – spiegano le ricercatrici -non appaiono meno soddisfatte del loro parto rispetto alle donne che hanno partorito prima della pandemia, nonostante i cambiamenti assistenziali associati all'emergenza sanitaria. Gli interventi medici quali l’induzione e l’uso di ossitocina e una durata prolungata del travaglio riducono la soddisfazione in entrambi i gruppi”.

 

Necrologie