Attualità
Solidarietà

Dalla Brianza fino in Polonia per consegnare cibo e beni di prima necessità per i profughi ucraini

Il lungo viaggio è stato compiuto da Riboldi Trasporti, azienda di Triuggio. Il carico è stato consegnato nei punti ricevimento Caritas.

Dalla Brianza fino in Polonia per consegnare cibo e beni di prima necessità per i profughi ucraini
Attualità Caratese, 13 Aprile 2022 ore 14:23

Ci sono volute 25 ore di viaggio per arrivare fino in Polonia e consegnare cibo e beni di prima necessità ai punti di ricevimento allestiti dalla Caritas per aiutare i profughi ucraini.

Dalla Brianza fino in Polonia per consegnare cibo e beni di prima necessità per i profughi ucraini

Il lungo viaggio, intrapreso nei giorni scorsi, è stato compiuto da Riboldi Trasporti, azienda di Triuggio, che ha accettato l'invito dei suo partner storico Esselunga e di Caritas italiana.

L’azienda di autotrasporto ha intrapreso senza fermate ben 1.500 km attraverso Austria e Repubblica Ceca fino a Lezajsk in Polonia, dove sono stati allestiti da Caritas Polonia dei punti di ricevimento per beni di prima necessità per aiutare i profughi ucraini.

Volontari per Riboldi Trasporti due driver dalla grande generosità e pronti a sobbarcarsi non solo un bilico di aiuti alimentari e altri beni indispensabili, ma anche tutta la solidarietà che il popolo brianzolo ha sempre dimostrato di avere.

"Ci siamo attivati subito"

"Non abbiamo nemmeno dovuto pensarci, quando è arrivata la chiamata di Esselunga ci siamo attivati subito!" ha affermato Jessica Riboldi, responsabile del progetto per Riboldi Trasporti che in Brianza ha costruito un punto di riferimento per la movimentazione food in tutta la Lombardia. Si è trattato di un tour de force vero e proprio per portare aiuti nel più breve tempo possibile alla popolazione ucraina dilaniata da una guerra che non ha avuto scrupoli nemmeno nei confronti dei civili.

Protagonisti di questo atto di umana empatia gli autisti Dima e Mladenovic, che hanno rappresentato a pieno titolo non solo l’azienda ma soprattutto l’attitudine di una provincia che conosce bene l’accoglienza e lo spirito di sacrificio necessari per fare del bene agli altri.

4 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie