Attualità
Nuova attività

Elettrofisiologia interventistica: la Cardiologia di Desio ha un nuovo "strumento" per curare le aritmie

Il team che se ne occupa comprende quattro medici e sette infermieri impegnati anche in emodinamica.

Elettrofisiologia interventistica: la Cardiologia di Desio ha un nuovo "strumento" per curare le aritmie
Attualità Desiano, 17 Febbraio 2022 ore 15:32

Dal dicembre scorso importante cambio di passo per la struttura di Cardiologia dell’Ospedale Pio XI di Desio grazie all'acquisito di un sistema tecnologico adeguato che ha permesso l'avvio dell’attività di elettrofisiologia interventistica che si aggiunge alla consolidata esperienza relativa all’elettrostimolazione tradizionale.

Desio: avviata l’attività di elettrofisiologia interventistica

L’elettrofisiologia interventistica consente la “terapia chirurgica” delle aritmie attraverso tecniche di ablazione eseguite attraverso cateteri che utilizzano metodi diversi (radiofrequenza, crioablazione etc). Le aritmie sono anomalie del ritmo cardiaco che, se non trattate, spiega Felice Achilli Primario della struttura, “possono portare allo scompenso, al peggioramento della funzione ventricolare, all’aumento del rischio di ospedalizzazione della patologia, oltre a determinare il rischio di ictus ed eventi ischemici cerebrali, spesso associati all’aritmia stessa”.

L’avvio della nuova attività ha comportato la formazione del personale medico-infermieristico e, soprattutto, una selezione della casistica da sottoporre ad intervento. Ad oggi le procedure elettrofisiologiche sono state una trentina, con una quarantina di pazienti in attesa di trattamento.

Il team di medici e infermieri impegnati per curare le aritmie

Il team comprende 4 medici (Donatella Ruggiero, Salvatore Andrea Romano, Patrizia Bertocchi, Giulia Balestri), con la collaborazione e il supporto di sette infermieri impegnati anche in emodinamica.

“Per ora si è intervenuti solo sulle aritmie sopraventricolari che rappresentano la casistica principale fra la popolazione”, racconta Donatella Ruggiero. Il più giovane paziente tra quelli trattati sino ad oggi, è stato un uomo di trent’anni, il più anziano 75.

“Con l’avvio dell’attività di elettrofisiologia interventistica la Cardiologia di Desio – aggiunge Achilli – completa l’offerta di terapie, oggi ritenute efficaci e risolutive, in ambito aritmologico e consente un salto di qualità culturale e professionale non indifferente”.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie