Attualità

La fiducia tra dentista e paziente aiuta a superare ogni timore

Si ha paura soprattutto del dolore. Per fortuna l’odontoiatra sa come agire caso per caso

La fiducia tra dentista e paziente aiuta a superare ogni timore
Attualità 23 Novembre 2021 ore 10:09

C'è un aspetto fondamentale per il buon successo delle cure odontoiatriche e consiste nella capacità del dentista di saper allacciare con il paziente un rapporto sincero basato su empatia e fiducia.

Dentista e fiducia: il rapporto con il paziente

Perché questo rapporto si instauri è essenziale che il paziente, in occasione del primo trattamento provi il minor dolore possibile. "Esistono numerosi studi che testimoniano come il dolore sia una variabile fondamentale affinché le cure odontoiatriche vengano accettate positivamente dal paziente", affermano i dottori Andrea Ormellese e Gianluca Santoni del Centro Medico Brianza di Cornate d'Adda. "A minor dolore corrisponde minor diffidenza nei confronti del professionista e della poltrona. Questo a tutto vantaggio di un miglior esito delle terapie".

Il primo approccio

Nonostante il paziente abbia comunque convissuto per un certo tempo con il dolore provocato dalla patologia alla bocca che lo affligge, ciò non toglie che il timore del dolore provocato dalle cure odontoiatriche non sia comunque tale da spaventarlo. "Fondamentale, pertanto, è evitare che durante i trattamenti si possa provare ulteriore dolore - spiegano i due medici -. In particolare il momento che più preoccupa è quello con l'iniezione per l'anestesia che provoca due tipi di dolore. Il primo dovuto all'ago che penetra nella mucosa, il secondo all'anestetico che si insinua nei tessuti. Se il dentista dimostra al paziente che l'iniezione dell’anestetico è poco o per nulla dolorosa, allora la fiducia è conquistata".

2 foto Sfoglia la gallery

Le tecniche attuali

"Per fortuna la ricerca ha messo a punto soluzioni che riducono al minimo il dolore da iniezione. Se però qualcuno dovesse comunque provare fastidio, sarà opportuno segnalarlo nella cartella clinica. Questo permetterà al sanitario di adottare opportuni accorgimenti al momento della seduta successiva. Soluzioni atte ad attenuare il più possibile qualsiasi dolore. In particolare, si potrà procedere con l'applicazione di spray a base di lidocaina al 10% o 15% o creme a base di lidocaina 5% e benzocaina. Se ancora non bastasse l'applicazione di una stimolazione presso-vibratoria nella zona dove viene effettuata l'anestesia utilizzando il Vibringe (strumento ultrasonico nato per tutt'altro utilizzo, ma molto utile in questa situazione) attenua il dolore su una percentuale di pazienti pari o superiore al 66%".

Un protocollo per ogni paziente

Siccome però ogni paziente ha caratteristiche differenti e vi sono alcuni casi in cui a rendere più difficoltoso l'attuazione delle terapie sono problematiche quali la BMS (Sindrome della bocca che brucia) o il PIFP (Dolore facciale idiopatico persistente), disturbi che colpiscono fino al 25% della popolazione. Quando ciò accade è opportuno procedere con un approccio multidisciplinare attraverso il quale si ottiene un miglior inquadramento della situazione, agevolando la scelta del protocollo più adatto al singolo caso.

Dentista e fiducia: Sentirsi a proprio agio

Il dentista che abbia una maggior empatia riuscirà a trasmettere maggior fiducia nel paziente. "Mettere il paziente a proprio agio è il nostro obiettivo quotidiano", concludono i dottori Santoni e Ormellese. "Per questo al Centro Medico Brianza non esitiamo ad adottare ogni accorgimento atto ad annullare il dolore. Questo fa sì che  il paziente non perda il buon umore e resti collaborativo anche durante le sedute più complicate".

Informazioni

Per informazioni il team del Centro Medico Brianza aspetta i pazienti nella sede di Cornate d'Adda, in via Castello 5/A. Tel. 039.6095873. Il Centro Medico Brianza è online su www.centromedicodentisticocmb.it

Necrologie