Attualità
Salto nel passato

I compagni di classe delle medie si ritrovano dopo quarant’anni

Una quarantina di ex allievi di Villa Visconta ha festeggiato tra Besana e Briosco

I compagni di classe delle medie si ritrovano dopo quarant’anni
Attualità Caratese, 30 Settembre 2021 ore 07:51

Gli ex compagni delle medie si sono riabbracciati dopo quarant’anni davanti ai cancelli di quella che era la loro scuola, Villa Visconta di Besana, oggi divenuta casa di riposo.

Un salto indietro nel tempo

Un salto nel passato per un gruppo di una quarantina di ex allievi della sezione distaccata dell’istituto Vescovi Valtorta di Carate - Centro di orientamento camilliano, nato da un gruppo WhatsApp - «Villa Visconta anni Verdi» - capace di accendere l’entusiasmo dei ragazzi di una volta, del territorio e non solo. Domenica mattina, 26 settembre 2021,  giorno scelto per il ritrovo, arrivavano anche dalla Valtellina, dal Lecchese, dalla Bergamasca, dalla provincia di Monza e Brianza e di Milano.
L’occasione per trascorrere una giornata insieme l’ha offerta il ritorno in Italia di padre Camillo Scapin, missionario in Perù che a cavallo tra gli anni Settanta ed Ottanta è stato assistente a Villa Visconta.

3 foto Sfoglia la gallery

Il raduno davanti ai cancelli di Villa Visconta

La giornata è iniziata con il raduno davanti ai cancelli della struttura di via Visconta per un breve saluto e la foto di gruppo. Padre Camillo ha poi concelebrato la messa nella chiesa dei «Tre fanciulli» di Fornaci di Briosco con don Mario Viganò, anche lui assistente a Villa Visconta, per poi incontrare i suoi ex studenti, insieme a qualche «vecchio» professore, per il pranzo, sempre a Briosco. Ex studenti divenuti uomini affermati nella società: persone impegnate nel lavoro e nelle professioni con successo o nel campo del sociale; qualcuno ha anche scelto la strada del sacerdozio. A vederli gesticolare, a sentirli parlare, sembrava che non fossero trascorsi quarant’anni: la vivacità e lo smalto restano quelli di una volta.

Un aiuto per padre Camillo

«Avevamo tanto da raccontarci e il tempo è volato un’altra volta. Ci siamo ritrovati con la volontà e il proposito di ripetere l’esperienza di oggi, di creare altre occasioni per dare spazio a questa amicizia che permane nel tempo - hanno raccontato i protagonisti dello speciale incontro - Qualcuno addirittura ha portato delle foto di allora con la squadra di calcio, delle gite, del teatro di classe. Alla fine, purtroppo, siamo tornati nel tempo perché le cose belle, come questa giornata vissuta assieme, hanno un inizio e una fine. Padre Camillo è rimasto sorpreso dell’entusiasmo che ha ritrovato nei suoi ragazzi, della nostra sensibilità e del sostegno offerto per la sua missione a Chaclacayo, a 25 chilometri da Lima».

Necrologie