Attualità
Il personaggio

Il 27 ottobre del 1962 fu il primo a soccorrere Enrico Mattei dopo lo schianto del suo aereo

L'incredibile storia del cavenaghese Giuseppe Bettini.

Il 27 ottobre del 1962 fu il primo a soccorrere Enrico Mattei dopo lo schianto del suo aereo
Attualità Vimercatese, 27 Ottobre 2022 ore 14:30

L'incredibile storia di Giuseppe Bettini, il cavenaghese che sessant'anni fa fu il primo soccorritore di Enrico Mattei. Il presidente dell'Eni si era appena schiantato con il suo aereo nelle campagne del pavese.

Lo schianto

"Sono passati sessant’anni ormai, ma mi ricordo tutto come se fosse ieri. Certe cose non si possono dimenticare". Era il 27 ottobre del 1962 e nelle campagne attorno a Bascapè, comune in provincia di Pavia, si era appena consumata una delle tragedie che maggiormente hanno segnato la storia recente del nostro Paese. Una tragedia che ancora oggi risulta nebulosa e che nel corso degli anni ha assunto i contorni del più classico dei "misteri italiani".  Stiamo parlando della sciagura aerea che coinvolse Enrico Mattei, presidente dell’Eni e grande industriale italiano del petrolio. Una figura che nel giro di pochi anni era riuscito a incidere sui rapporti internazionali relativi all’estrazione dell’ambito "oro nero", creando importanti frizioni tra Italia e le cosiddette "sette sorelle" (le più grandi aziende petrolifere mondiali). La sera del 27 ottobre del 1962 Mattei era partito con il suo jet privato dall'aeroporto di Catania diretto a Linate insieme al pilota Irnerio Bertuzzi e al giornalista inglese William Mc Hale. Poco prima dell'inizio della fase di atterraggio l'areo del presidente dell'Eni precipitò nelle campagne di Bascapè, piccolo comune del pavese.

Il ricordo di Giuseppe Bettini

"Ci dissero di andare a vedere dove l'aereo era precipitato, a Bascapè - ha raccontato Bettini, all'epoca aviere scelto all’aeroporto di Cameri - Ricordo come fosse ieri che pioveva fortissimo. Arrivammo sul posto attorno alle 21, non si vedeva niente. Ci inoltrammo in filari di alberi vicino ad un campo agricolo e scoprimmo i resti dell'aereo. Nessuno di noi sapeva che era l’aereo di Mattei".

Il servizio completo sul Giornale di Vimercate in edicola da martedì e disponibile su tutte le piattaforme digitali.

Seguici sui nostri canali
Necrologie