Attualità
Formazione e iniziative in campo

Il Comune al lavoro sui "giovani inattivi". L'obiettivo è l'inclusione lavorativa

Rientra nell’elenco di 154 Comuni e Unioni di Comuni italiani ammessi a ricevere una formazione mirata alla realizzazione di progetti comunali volti a sensibilizzare questa fetta di popolazione.

Il Comune al lavoro sui "giovani inattivi". L'obiettivo è l'inclusione lavorativa
Attualità Monza, 09 Agosto 2022 ore 06:54

Si chiamano NEET, ovvero Not in Employment, Education or Training, e sono quei giovani inattivi ovvero che non studiano, non lavorano e non stanno seguendo corsi di formazione o istruzione.

Il Comune al lavoro sui "giovani inattivi". L'obiettivo è l'inclusione lavorativa

Proprio per loro il Comune di Lissone intende mettere a punto iniziative mirate che portino all'inclusione lavorava. Un intento che aveva portato l'Amministrazione a presentare la propria manifestazione di interesse all'iniziativa dell'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) per un percorso di formazione e accompagnamento sui NEET.

In queste ore è arrivata la conferma: il Comune di Lissone è tra i 154 ammessi a ricevere una formazione mirata alla realizzazione di progetti comunali volti a sensibilizzare proprio i giovani "inattivi per poi offrire loro esperienze di inclusione lavorativa.

A chi sono rivolti i corsi e a cosa servono

I corsi di formazione sono rivolti al personale addetto all’erogazione dei servizi Informagiovani e si svolgeranno da settembre 2022 per una durata di quattro mesi. L’obiettivo è fornire competenze specifiche per permettere agli operatori pubblici di sviluppare strategie di individuazione, coinvolgimento e attivazione di persone in condizione NEET, e mettere in stretta sinergia gli attori presenti sul territorio. Inoltre, il corso è propedeutico alla successiva partecipazione a un avviso pubblico diretto a finanziare specifiche proposte progettuali rivolte al target di intervento. Vi potranno partecipare i comuni selezionati, tra cui Lissone, al termine del percorso formativo.

I dati

Nella città di Lissone nel 2019 la percentuale di giovani NEET si attestava al 6,2%, un valore inferiore alla media provinciale e regionale intorno al 16%. Tuttavia, nell’ultimo anno, i servizi dedicati come l’Informagiovani e i progetti correlati al Settore Istruzione e Politiche Giovanili del Comune hanno registrato un aumento di tale percentuale, ovvero di giovani tra i 15 e i 29 anni che non lavorano e che hanno rinunciato anche a intraprendere percorsi formativi. Sicuramente la pandemia Covid-19 ha inciso sulla povertà educativa e ha accentuato le differenze tra i giovani che provengono da contesti familiari disagiati e quelli che invece godono di opportunità dal punto di vista socioeconomico. Anche da questa analisi parte la decisone
dell’Amministrazione Comunale di proseguire l’impegno sul tema.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie