Attualità

Il Comune di Monza punta a contrastare randagismo e maltrattamento degli animali

Consegnate anche due biciclette a pedalata assistita per un monitoraggio più puntuale delle aree verdi.

Il Comune di Monza punta a contrastare randagismo e maltrattamento degli animali
Attualità Monza, 11 Dicembre 2021 ore 09:30

Un progetto fortemente voluto dal Comune di Monza, in considerazione dell’importanza sempre crescente del benessere degli animali e del contrasto ai fenomeni del randagismo e del maltrattamento. Così sono state consegnate al Comando due biciclette a pedalata assistita per un controllo più efficace del territorio, in particolare delle aree verdi.

Il Comune di Monza punta a contrastare randagismo e maltrattamento degli animali

Le bicilette, di cui una donata da Atala che ha voluto sostenere concretamente le finalità del progetto, sono due Speed Urban di Whislte - brand dedicato alle mountain bike elettriche della storica azienda Atala - con telaio in carbonio, kit elettrico Bosch, cambio Shimano e battistrada adatto a ogni tipo di terreno, anche allo sterrato. L’acquisto delle biciclette è stato possibile grazie a un finanziamento regionale con il quale sono stati acquistati anche tre lettori microchip portatili e attrezzature come museruole, guanti antimorso, trasportini, gabbie di contenimento e trappole per la cattura di gatti randagi e cani feriti.

Strumenti di lavoro che hanno consentito al Comando di via Marsala di intensificare gli interventi a favore del benessere degli animali. E l’Assessore alla Sicurezza Federico Arena annuncia: "L’obiettivo per l’anno prossimo è dare continuità a questo servizio creando una task force “Tutela Animali” che potrà rappresentare un raccordo fondamentale con il territorio per incidere in maniera concreta e attiva sul fenomeno del randagismo e del maltrattamento. Sarà uno strumento che potrà migliorare ulteriormente le sinergie con ATS e tutte le associazioni a tutela degli animali presenti nel nostro territorio".

Le attività

Gli agenti di Polizia Locale, nell’ambito del progetto finanziato da Regione Lombardia, hanno messo in campo attività di identificazione, registrazione e gestione dei cani sulle aree pubbliche, di verifica delle ordinanze emesse dall’ATS a seguito di episodi di aggressione dei cani e di controllo delle colonie feline registrate all’«Anagrafe Animali d’Affezione» in collaborazione con i Dipartimenti Veterinari dell’ATS.

I numeri

Nel corso del 2021 gli agenti hanno effettuato 387 sopralluoghi che hanno permesso di controllare il Parco, le 77 aree verdi e le 16 aree cani della città. I cani controllati sono stati 374 con la verifica del microchip che certifica l’iscrizione all’Anagrafe canina. I servizi svolti dalla Polizia Locale sono 49 e gli agenti coinvolti 21.

Necrologie