Monza

In città torna il Gay Pride... Forse

Rete Brianza Pride e Brianza oltre l’arcobaleno stanno scaldando i motori in occasione del prossimo Gay Pride.

In città torna il Gay Pride... Forse
Attualità Monza, 15 Giugno 2021 ore 15:06

Una settimana di eventi in giro per la Brianza e il gran finale in città in piazza Trento e Trieste per il Gay Pride... Forse.

Gay Pride, flashmob in piazza Trento e Trieste?

Rete Brianza Pride e Brianza oltre l’arcobaleno stanno scaldando i motori in occasione del prossimo Gay Pride che partirà domenica prossima con una biciclettata in quel del Parco Nord di Milano e che domenica 3 luglio dovrebbe trovare il suo centro con un presidio e un flashmob in piazza Trento e Trieste.

«Naturalmente le restrizioni sanitarie non ci permetteranno nemmeno quest’anno di procedere in corteo ma stiamo lavorando per definire alcuni dettagli - ha spiegato Luca Gusmaroli - referente per Rete Brianza Pride - Per esempio, siamo ancora in attesa del permesso da parte della Prefettura per poter usufruire di piazza Trento e Trieste. Per noi è un fattore decisivo poiché se ci venisse proposta un’altra piazza, magari più defilata, significherebbe che ancora una volta c’è la volontà di relegare il nostro messaggio ai margini».

Il presidio colorerà la città

Il presidio cittadino, strutturato sulla falsariga di quello del 16 maggio per chiedere all’Amministrazione l’appoggio alle battaglie contro l’omofobia e all’approvazione alla legge Zan, colorerà come da consuetudine la città con i colori dell’arcobaleno attraverso striscioni, bandiere, manifesti e oggetti creati dall’associazione Sul Filo dell’arte. A collaborare alla sua realizzazione Cgil, Unione degli studenti, Fridays for future e tante altre realtà associative. Che presenzieranno anche alle due riunioni di preparazione al Pride via di  meet di domani, mercoledì, e di mercoledì prossimo alle 21.

«Le nostre iniziative sono sempre più numerose, non ultima la creazione di una rete di servizi sociali per le persone lgbtq+ in collaborazione con gli studenti della Bicocca» ha concluso Gusmaroli.

 

Necrologie