Attualità
Biassono

L’antico centro storico torna a vivere: ecco il primo lotto di riqualificazione

Previsti interventi in via San Martino, piazza San Francesco, sagrato e area antistante la chiesa.

L’antico centro storico torna a vivere: ecco il primo lotto di riqualificazione
Attualità Caratese, 10 Settembre 2022 ore 18:00

Restituire al centro storico il carattere squisitamente urbano di spazio aggregativo che ha avuto nei secoli alleggerendo il carico di traffico che, negli anni, lo ha trasformato di fatto in una zona di collegamento alternativo alla Provinciale Sp6.

L’antico centro storico torna a vivere: ecco il primo lotto di riqualificazione

E’ questo l’intendimento del progetto di riqualificazione (per un importo di 2 milioni e 182 mila euro) che la Giunta di Luciano Casiraghi ha voluto e ha approvato. L’intervento verrà realizzato in due fasi successive. Il primo lotto (che partirà a breve, entro il primo ottobre, ndr) comprenderà via San Martino, piazza San Francesco, il sagrato e l’area antistante la chiesa di San Martino vescovo e la parte iniziale delle vie che confluiscono nell’area: via IV Marie, via Porta Mugnaia e via Segramora. Solo in una seconda fase, invece, si metterà mano a via Pietro Verri, via Umberto I, via Roma e al tratto iniziale di via Parco.

Gli interventi

Gli interventi principali del progetto sono la ripavimentazione e la riorganizzazione della viabilità carrabile e pedonale - eliminando in quest’ultima tutte le barriere architettoniche, il ridisegno del sagrato della Chiesa di San Martino Vescovo per migliorare l’integrazione nel tessuto urbano di cui è parte, l’arredo urbano, il rifacimento dell’impianto di pubblica illuminazione.

Particolare attenzione è stata dedicata alla riqualificazione architettonica del sagrato della chiesa parrocchiale e delle aree limitrofe con l’obbiettivo di migliorarne l'integrazione con il tessuto urbano e la percezione dei volumi che costituiscono il piano rialzato su cui sorge. Le gradinate, infatti, sono state estese alla maggior parte del perimetro, potendo così «mitigare» il salto di quota che oggi esiste tra il basamento della chiesa e le aree circostanti. Precise linee guida sono state impartite , da parte dell'ufficio Tecnico e dell'Amministrazione comunale, riguardo l'accessibilità dei percorsi pedonali. Tutti i marciapiedi delle vie oggetto d'intervento sono stati progettati, laddove possibile, in quota con le aree carrabili o raccordati alla quota stradale con pendenze a norma. Anche l'accesso alla chiesa potrà avvenire con rampe, per persone con ridotta capacità motoria, perfettamente integrate al nuovo disegno delle pavimentazioni. Le gradinate di raccordo con il basamento della chiesa verranno realizzate anche nel versante est, in posizione prospiciente la piazza San Francesco d'Assisi, dove fungeranno da sedute anche in occasione di manifestazioni e spettacoli estivi che potranno avere luogo nell'area, oggi completamente impegnata da svincoli stradali e parcheggi.
La riqualificazione della piazza San Francesco d'Assisi prevederà comunque spazi dedicati alla sosta di veicoli, soprattutto a servizio delle attività commerciali ed aree pedonali con pavimentazioni lapidee e l'inserimento di tre aree a verde per favorire la sosta e rafforzare la funzione di spazio aggregativo anche nelle ore serali con la previsione di una nuova illuminazione pubblica. Anche l'area a nord, in asse con la via Ansperto da Biassono, verrà pavimentata in continuità con il disegno del sagrato mantenendo una fascia di parcheggi in prossimità delle attività commerciali oggi presenti.

Il sagrato della chiesa di San Martino sui tre fronti (sud, est e nord) subirà, una leggera variazione del perimetro esterno, con il rifacimento delle gradinate e della rampe di accesso. L’attuale pavimentazione del sagrato, posata negli anni Settanta, verrà rimossa e realizzata la nuova in beola grigia con le stesse caratteristiche architettoniche della pavimentazione che sarà posata nell’intera area. Si è scelto poi di rimuovere e sostituire tutta la pavimentazione del sagrato esistente per non interrompere l’unità architettonica che la pavimentazione prevista dal progetto ha il fine di ricreare. Il progetto prevede di raccordare il sagrato con l’area vicina, attraverso la scalinata di accesso ed una rampa che verrà realizzata sul fronte laterale sud. Sempre nell’area sud, che fiancheggia la chiesa, per la durata dei lavori di ripavimentazione, verrà spostato il monumento esistente e successivamente ricollocato.

Percorsi pedonali

I percorsi pedonali saranno segnati e protetti dalla viabilità carrabile con dissuasori in beola che impediranno la sosta delle auto al di fuori dei parcheggi previsti. Si è scelto di lasciare la superficie libera da arredi e di realizzare le gradinate, sui fronti sud e est della chiesa, che avranno la funzione di sedute, affinché la superficie di piazza San Francesco possa essere utilizzata per eventi cittadini senza elementi fissi che ne possano condizionare l’uso. Sarà predisposta anche una colonnina retrattile, opportunamente protetta da chiusino a rivestimento in pietra che permetterà di istallare una struttura esterna per eventi temporanei. Parte della piazza manterrà la funzione di parcheggio necessaria per le attività commerciali esistenti. Il progetto di riqualificazione infine prevederà la realizzazione delle opere necessarie alla pubblica illuminazione con la sostituzione e integrazione dei corpi illuminanti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie