Attualità
In Consiglio comunale

Lentate conferisce la cittadinanza onoraria al dottor Regalia

La decisione dell'Amministrazione per l'impegno profuso nell'Associazione volontari lentatesi per la prevenzione del tumore.

Lentate conferisce la cittadinanza onoraria al dottor Regalia
Attualità Seregnese, 21 Settembre 2021 ore 18:09

Cittadinanza onoraria al dottor Enrico Regalia per il suo impegno nell’Associazione volontari lentatesi per la prevenzione del tumore (Avl).

Cittadinanza onoraria al dottor Enrico Regalia

La decisione è stata presa nel Consiglio comunale di lunedì 20 settembre 2021, durante il quale è stato deliberato anche il conferimento dello stesso riconoscimento al Milite Ignoto (aderendo a un’iniziativa promossa a livello nazionale dal Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia in collaborazione con Anci in occasione del centenario della tumulazione del Milite Ignoto nel sacello dell’Altare della Patria a Roma).

Una figura fondamentale per l'Associazione per la prevenzione del tumore

La scelta di insignire Regalia, responsabile dell’Unità dei Trapianti di fegato all’Istituto dei Tumori di Milano, è da ricercare nella generosità con cui si è speso per l’Avl dalla sua fondazione. «Si è dimostrato una personalità importante per la comunità lentatese fin dal primo momento, quando nel 1986, ancora fresco di specializzazione, è stato una figura chiave per l’organizzazione e l’esecuzione del primo screening per i tumori della mammella - la motivazione dell’Amministrazione comunale - Si trattava di una prima, ma fondamentale, tappa per il radicamento dell’Associazione nella vita sociale del Comune di Lentate, alla quale ha fatto seguito una capillare opera di sensibilizzazione, in cui il dottor Regalia ha profuso impegno ed energie, permettendo all’Associazione di raggiungere gli eccellenti risultati che tutti conoscono».

"Ha dimostrato estrema professionalità e grandissima umanità"

Sempre presente nella vita dell’Avl e del Comune in questi 35 anni di attività, «ha mostrato una estrema professionalità e soprattutto una grandissima umanità, due doti che raramente si possono riscontrare nella stessa figura professionale. La sua disponibilità e la sua dedizione nei confronti della popolazione lentatese si rivelano anche nel fatto che pur avendo sviluppato le proprie competenze fino a raggiungere altissimi traguardi nella sua carriera di chirurgo non ha mai rinunciato alla basilare attività di prevenzione nell’ambulatorio dell’Associazione, mese dopo mese, dimostrando il suo attaccamento e il suo interesse per la salute e la vita del nostro Comune».

Necrologie