Attualità
un supporto alla collettivita'

L'impegno in Auser MB dei percettori del reddito di cittadinanza

L'associazione traccia un bilancio positivo dei primi cinque mesi di avvio del progetto

L'impegno in Auser MB dei percettori del reddito di cittadinanza
Attualità Monza, 22 Dicembre 2022 ore 17:44

L'impegno in Auser MB dei percettori del reddito di cittadinanza. L'associazione traccia un bilancio positivo dei primi cinque mesi di avvio del progetto

L'impegno in Auser MB dei percettori del reddito di cittadinanza

Auser Monza Brianza nell’anno 2022 grazie alla collaborazione con l’Ambito di Monza e i relativi Comuni, ha potuto iniziare ad inserire all’interno del suo gruppo di volontari anche diversi operatori percettori del reddito di cittadinanza. Si tratta di persone che vengono individuate tra coloro che abbiano sottoscritto il Patto per il Lavoro o il Patto per l’inclusione sociale che, a seguito di un colloquio, accettano di prestare servizio per l’Associazione.

Esperienza formativa gratificante

Il progetto si ripropone di far vivere ai beneficiari un'esperienza formativa gratificante, tipica dell'approccio e della filosofia solidaristica: si ritiene infatti che, nonostante siano tenuti per obblighi di legge a svolgere l'attività, i partecipanti possano sperimentare appieno il coinvolgimento peculiare delle azioni di volontariato, sviluppando e rinforzando le proprie abilità sociali, sentendosi utili per gli altri e parte attiva della società.

Il progetto avviato cinque mesi fa

A cinque mesi dall’avvio del progetto, Auser afferma che  i volontari coinvolti si sono integrati molto bene all’interno dell’Associazione, per la quale sono diventati una risorsa importante. "Si sono impegnati in diverse attività in base alle proprie attitudini e alle necessità dell’associazione - ha premesso Auser - dagli accompagnamenti delle persone fragili presso le strutture sanitarie per visite, esami o terapie, ad un supporto nella gestione amministrativa e dell’ufficio, all’organizzazione delle attività presso i centri anziani, nei quali vengono svolte attività di apprendimento permanente quali corsi e laboratori di vario tipo o attività più ludiche e ricreative, ma sempre volte a promuovere la socializzazione e l’aggregazione".

Trasformare un momento di difficoltà in opportunità

Le persone coinvolte nel progetto hanno saputo trasformare un momento di difficoltà  in un un’opportunità: "Quella di rendersi utili per la comunità di cui fanno parte, nell’ottica di aiutare chi ha più bisogno, chi è più debole, chi sta vivendo un momento di maggior difficoltà. E forse proprio perché anche loro hanno attraversato momenti duri, sono in grado di capire, di empatizzare, di stare accanto a chi è più fragile e di rendersi disponibile a dare una mano in più, perché sanno che cosa significa".

"Grande disponibilità e grande partecipazione"

Persone che  con serietà e dedizione si sono messe al servizio degli altri. "Come ogni altro volontario, quello che valutiamo è il suo operato - è la considerazione dell'associazione - Ebbene, quello che abbiamo constatato finora è stata una grande disponibilità e una grande partecipazione, perché mai si sono tirati indietro di fronte ad una richiesta di aiuto, perché ogni giorno si danno da fare e non guardano l’orologio come se dovessero timbrare un cartellino, ma guardano cosa hanno davanti e vedono come poter essere di aiuto a chi ha più bisogno".

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie