Attualità
I dati aggiornati

Pazienti ricoverati per Covid al San Gerardo sotto quota 50

Bonfanti "L’Ospedale è tornato quasi completamente all’assetto normale. Siamo sulla buona strada ma rimane ancora un tratto da compiere”.

Pazienti ricoverati per Covid al San Gerardo sotto quota 50
Attualità Monza, 28 Febbraio 2022 ore 13:04

Continuano a diminuire i pazienti ricoverati per Covid al San Gerardo di Monza. In una settimana sono passati da 73 a 48.

Pazienti ricoverati per Covid al San Gerardo sotto quota 50

Nel dettaglio,  in base agli ultimi dati diffusi da Asst Monza, a ieri nella struttura monzese risultavano ricoverati 48 pazienti di cui 38 in Malattie Infettive, due in Pneumologia, tre in Terapia Intensiva e cinque in UTIR. Undici invece i pazienti deceduti per Covid negli ultimi sette giorni.

Nella settimana dal 21 al 27 febbraio inoltre hanno avuto accesso al Pronto Soccorso  1692 pazienti, di cui 111 con sintomatologia Covid, di cui 11 ricoverati.

Confrontando i dati attuali con quelli della settimana precedente osserviamo che alla data del 21 febbraio i pazienti ricoverati per Covid erano 73 di cui: 52 in Malattie Infettive, 7 in Pneumologia, 5 in Terapia intensiva, 8 in UTIR e 1 in altro reparto
Otto invece i pazienti deceduti.

“Continua il calo dei pazienti ricoverati, determinato da un accesso costante di nuovi pazienti in Pronto Soccorso, molto inferiore rispetto alle settimane critiche del mese di gennaio - ha osservato il Prof. Paolo Bonfanti, Direttore unità operativa di Malattie Infettive. L’Ospedale è tornato quasi completamente all’assetto normale e ha ripreso a pieno ritmo l’assistenza dei pazienti affetti da altre patologie diverse dal Covid. Sebbene la situazione stia continuamente migliorando, siamo ancora in una fase ove non bisogna abbassare la guardia, essendo l’incidenza di casi nel nostro paese ancora sopra i 250 casi per 100.000 abitanti, soglia per la quale le misure di mitigazione vanno sempre rispettate (mascherine negli ambienti chiusi, evitare gli assembramenti). Siamo sulla buona strada ma rimane ancora un tratto da compiere”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie