Attualità
Monza

Perde il controllo dell'auto e si schianta. Gravissimo il figlio dell'ex vigile monzese

L’incidente è avvenuto a Pisa: Alessandro Migliorini, 25 anni, è ancora in coma.

Perde il controllo dell'auto e si schianta. Gravissimo il figlio dell'ex vigile monzese
Attualità Monza, 22 Maggio 2022 ore 16:00

Una cena tra amici, poi il terribile incidente. Stanno lentamente migliorando le condizioni di Alessandro Migliorini, 25 anni, figlio di Paolo Migliorini, per anni in forze al Comando della Polizia locale di Monza, ora commissario a Pisa.

Perde il controllo dell'auto e si schianta. Gravissimo il figlio dell'ex vigile monzese

Il giovane, ricoverato all’ospedale Cisanello, si trova ancora in coma farmacologico, «ma il primo intervento è andato bene. I medici lo risveglieranno dopo la prossima operazione al femore a cui sarà sottoposto», ha spiegato il padre. Operazione che ieri, lunedì, al momento di andare in stampa, era stata fissata per oggi, martedì.

Il sinistro si è verificato martedì sera della scorsa settimana, poco dopo le 11 proprio a Pisa, dove la famiglia risiede. Il 25enne era uscito a cena con amici e stavano facendo ritorno a casa. Poi, improvvisamente, il terribile schianto.

Alla guida della Toyota Yaris (di proprietà della nonna, come ha precisato Paolo Migliorini) si trovava proprio Alessandro. «In fase di svolta ha urtato contro un cordolo in cemento», ha spiegato il commissario. Poi l’auto è andata a schiantarsi contro il muro di un bar che si trova in via Livornese, strada non distante dalla zona industriale.

L’impatto è stato terribile. Il veicolo si è completamente accartocciato. Ma non solo. Avendo urtato l’impianto del gas esterno all’edificio, si sono sollevate improvvisamente delle fiamme che hanno avvolto la parte anteriore dell’auto.

I soccorsi

Fondamentale è stato l’intervento dei due fratelli titolari del bar che hanno chiamato immediatamente i soccorsi, nonché di un avventore, un 49enne di origini tunisine che ha afferrato l’estintore che si trovava all’interno del locale e si è precipitato a spegnere l’incendio. «E’ stato grazie a lui se mio figlio e i suoi amici si sono salvati. Sono già andato personalmente a ringraziarlo», ha commentato Migliorini.

Sul posto si sono precipitati Vigili del fuoco e ambulanze. I pompieri hanno estratto gli occupanti dall’abitacolo. Un’operazione delicatissima che ha richiesto un’ora di lavoro.

Le condizioni degli occupanti erano infatti disperate. Una volta estratti dalle lamiere, i quattro giovani (due ragazzi e due ragazze), in condizioni gravissime, sono stati affidati alle cure del personale sanitario.

«Tutti hanno concorso in maniera eccellente per salvare mio figlio e i suoi amici - ha aggiunto Paolo Migliorini - A partire dai titolari del bar e dal loro cliente, passando per i Vigili del Fuoco che hanno fatto un lavoro incredibile, e per il personale sanitario, una vera e propria eccellenza. Si sono subito accorti che stava per andare in arresto cardiaco, salvandolo. La cintura di sicurezza allacciata ha impedito che riportasse anche traumi cranici».
Il 25enne è ancora in coma farmacologico. «I medici lo risveglieranno dopo l’intervento al femore cui dovrà essere sottoposto».

Sono ancora ricoverate le due ragazze che si trovavano in auto, mentre il quarto giovane è stato invece dimesso.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie