Attualità
Oreno

Raid vandalico contro un pezzo di storia

I vandali hanno abbattuto e fatto sparire i paletti posati per ricordare i caduti della Prima guerra mondiale.

Raid vandalico contro un pezzo di storia
Attualità Vimercatese, 11 Agosto 2022 ore 08:52

Un gesto vergognoso messo a segno  contro un pezzo di storia.

I vandali hanno colpito lungo la via che ricorda  i caduti della Grande guerra

La scorsa settimana i vandali hanno colpito  lungo il tratto orenese di via Rota, a Vimercate, conosciuto anche come viale delle Rimembranze. Lungo il ciglio della strada,  a seguito della riqualificazione completata lo scorso anno dalla precedente Amministrazione 5 Stelle, sono stati posizionati decine di paletti con i nomi dei tanti giovani  originari di Oreno morti durante la Prima guerra mondiale. Paletti che hanno sostituito i vecchi cippi che in passato erano stati trasferiti nel cimitero della frazione.

Molti i paletti abbattuti e o danneggiati, alcuni sono spariti

Paletti sottili, in ferro, che sin da subito avevano sollevato dubbi e perplessità sulla tenuta e sul fatto che potessero essere facilmente oggetto di danneggiamenti. Ed i timori sono diventati realtà la scorsa settimana. Sei di quelli posizionati lungo l’aiuola sul lato dell’oratorio sono stati piegati o completamente rimossi dal terreno. Non solo: ben 5 sono spariti, probabilmente gettati chissà dove dai vandali.

Riqualificazione contestata

Una scena triste, un pezzo di storia profanato. Come noto il vecchio viale era infatti stato progettato nel 1927 dall’architetto Cesare Nava, proprio per onorare la memoria dei caduti della Grande guerra. Alcuni anni fa l’Amministrazione pentastellata aveva deciso di metterci mano al viale prevedendo una completa riqualificazione. Era nato anche un comitato, che si era opposto al progetto sostenendo che lo stesso avrebbe snaturato l’impostazione originaria. E, come detto, quei paletti esili con i nomi dei Caduti avevano fatto storcere il naso a molti.

La condanna dell'assessore

"Un gesto inqualificabile e da condannare - ha commentato l’assessore alla Cura della Città Sergio Frigerio - Per il futuro valuteremo soluzioni alternative perché effettivamente qui paletti sono molto fragili ed esposti ad atti che, in ogni caso, ripeto, sono del tutto ingiustificabili".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie