Attualità
Besana in Brianza

Rotatoria e marciapiedi nel cuore di Montesiro

Disco verde al progetto di fattibilità tecnica ed economica.

Rotatoria e marciapiedi nel cuore di Montesiro
Attualità Caratese, 16 Ottobre 2022 ore 16:00

Disco verde dalla Giunta al progetto di fattibilità tecnica ed economica della nuova rotonda all’incrocio tra le vie San Siro e De Gasperi a Montesiro, di fronte all’oratorio della frazione.

Rotatoria e marciapiedi nel cuore di Montesiro

Affidato all’ingegner Massimiliano Valsecchi, parte da un’analisi dello stato di fatto che, tra i vari dati forniti, evidenzia un volume di traffico notevole nell’orario di punta serale (tra le 17,30 e le 18): mille e 500 i veicoli contati, per la gran parte provenienti da via Cimabue e diretti in via De Gasperi, con code che si formano precipuamente per chi da via Buonarroti (dalle «Cinque frecce») deve svoltare a sinistra verso il cimitero.

Il progetto

Il progetto prevede l’eliminazione dell’impianto semaforico per fare spazio alla rotatoria con precedenza interna all’anello; in prossimità della nuova opera, nelle vie De Gasperi e Cimabue, saranno realizzati attraversamenti pedonali protetti. Previsti inoltre un nuovo marciapiede pedonale e ciclabile sul lato sud di via Buonarroti e la riqualificazione di quello esistente sul lato opposto «la cui pavimentazione attuale risulta piuttosto ammalorata», come si legge sui documenti progettuali. Marciapiedi sotto i ferri anche in via San Siro e in via Cimabue. Saranno eliminate le barriere architettoniche, riqualificati l’impianto di illuminazione e le fermate dei bus con eventuali arredi e pensiline. L’ultima voce riguarda il parcheggio di via San Siro, al quale si accederà da un unico ingresso (sarà eliminato il secondo vicino all’incrocio): rinnovato e ampliato con capienza fino a 44 posti auto, uno dei quali per invalidi

I costi dell'intervento

Il quadro economico dell’intervento è pari a 600 mila euro, interamente coperto da fondi esterni. In particolare 350 mila euro sono in arrivo da Regione Lombardia nell’ambito del piano di ripresa economica post Covid (lo scorso dicembre il Pirellone aveva approvato il relativo ordine del giorno presentato dal gruppo della Lega, con primo firmatario il besanese Alessandro Corbetta) e i restanti 250 mila dalla Provincia di Monza e Brianza.

Seguici sui nostri canali
Necrologie