Attualità
Tradizioni

Sant'Antonio e festa del dialetto si uniscono nella poesia di Rina Del Pero

Oggi, 17 gennaio, si celebrano sia Sant'Antonio che la lingua locale. Il componimento della 70enne di Meda.

Sant'Antonio e festa del dialetto si uniscono nella poesia di Rina Del Pero
Attualità Seregnese, 17 Gennaio 2022 ore 16:20

Sant'Antonio e festa del dialetto si uniscono grazie a Rina Del Pero, 70enne medese attivissima nel campo del volontariato e della cultura.

Sant'Antonio e festa del dialetto

Nella giornata di oggi, lunedì 17 gennaio 2022, si celebrano sia Sant'Antonio Abate, patrono del bestiame e in generale degli animali (che solitamente viene festeggiato con i tradizionali falò, quest'anno annullati a causa dell'emergenza sanitaria da Covid-19), sia il dialetto: ricorre infatti anche la Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali.

La poesia di Rina Del Pero

E così la mitica Rina Del Pero ha pensato di unire le due cose, scrivendo una poesia su Sant'Antonio e sul falò, ovviamente rigorosamente in dialetto brianzolo. Ecco la poesia:

Toni…. Toni …

Opur …la canzun de la vie del Falò smorz….

(par tucc i bagai e i tusan che giugaven inseme a mi de dree a la piaza Cavur)

Un ciarin piscinin el ze vet

in de la nocc fregia e nebiusa: l’è ul segnal!

Adasi, adasi, tanti olter ciarit se inpizen

e insci tutt ul ciel el ze iluminè.

L’è la nòcc de Sant’Antoni

e, quasi per magie, se turna tucc un po’ bagai.

L’emuzion del gioech del foch,

di quei piscinit e de quei grand falò

te porten in la ment penser luntan

perdù un po’, forzì in de la nebia.

Una vuss sutila, quasi de un nonu

le intona adasi adasi una litanie:

TONI…TONI…SANT’ANTONI…

GIRA BIBI’…GIRA BIBO’…DAM I LEGN…

E subit te turnà la voeia de curr in tund,

inturna al falò,

de segnaà cunt ul dit

i stei russ che scapenn alvolt

cumè i foch de artifizi,

per pou burla giù luntan, in silenzi.

In tanti curt sé fa ancamò la cerimonie

ma ghè un cantun che urmai nisunc elze rigorde pù:

epur se faseve a gare perché ogni voulte

lerè de vegnì pusè alvolta la pigne

e i gent è vegniven anca da foera vie

per gutt del balà del foch.

Lera tantu grant e superb

che gan dà anca una targhe: VIA DEL FALO’

cumè se convien a tucc i rop impurtant.

Ma adess, se te paset delì

la sira del Sant’Antoni,

te trouvet apena una targhe

…del falò smortz.

Rob de pok

Con la sua inconfondibile ironia (sempre in grado di suscitare una riflessione) Del Pero ha anche riproposto una fotografia di qualche anno fa, quando in occasione di una delle sfilate del Palio dei ragazzi aveva interpretato una strega messa al rogo.

Anziché ul toni toni han tenta de brusam mi, ma sunt ancamò un pò zerbe... è fo apena tantu fum
Fam fum frecc e fastidi...
Fam de roba de saveè anca mo
Fum...in di occ par chi vor minghe vedè
Frecc...in del couer di por gent che capisen mingheFastidi....qui grass qui de chi se lamenten semper
Ma se guardasen un po olter al zo nass ghe ne anca mo de rob bei in quel tuchel de brianze....minghe doma la panze...
Auguri a tutt bei e brutt

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie