Menu
Cerca
Seregno

Scritta inneggiante al Duce, il Pd: “Iniziativa vergognosa”

Dopo gli striscioni per il Fascismo e la croce celtica, la dura condanna del circolo locale dei Dem: "La medicina? Testimonianza e libertà"

Scritta inneggiante al Duce, il Pd: “Iniziativa vergognosa”
Attualità Seregnese, 27 Aprile 2021 ore 16:43

A Seregno, in centro città, sono comparse scritte inneggianti al duce e al Fascismo nella giornata del XXV Aprile. L’intervento del Partito Democratico cittadino:  “Un’iniziativa vergognosa”.

Dopo la scritta per il duce, interviene il Pd

Dopo gli striscioni con un richiamo al duce e al Fascismo, oltre a una croce celtica su una staccionata in piazza Caprera, interviene il circolo locale del Partito Democratico con un comunicato di dura condanna della “provocazione notturna di qualcuno che ha cercato – invano – di rovinare la giornata. Un’iniziativa vergognosa ed è doveroso rimarcarlo. Fatta di nascosto e di notte perché appunto ci deve vergognare di quanto scritto”.

“La medicina? Testimonianza e libertà”

Il Pd indica come medicina “la testimonianza e la libertà. La testimonianza di tanti cittadini italiani che vivono quotidianamente l’antifascismo e la libertà e vogliono ricordare che è un bene che ci sia stato il XXV Aprile. Un bene per tutti: per chi vuole vivere l’antifascismo e si indigna delle scritte di domenica mattina, per chi non capisce questa indignazione e anche, sembra quasi un controsenso, per chi scrive quelle frasi sui muri”.

“Sbagliato pensare che il XXV Aprile sia di sinistra”

I Dem ricordano che “non ci può essere contrapposizione ed è sbagliato pensare che il Fascismo sia di destra e il XXV  Aprile di sinistra. La Liberazione e l’antifascismo sono il punto di partenza, è nella nostra Costituzione”. Infine il richiamo all’antifascismo che, “nonostante la sua etimologia, non è contro ma a favore della libertà, dei deboli e dell’uguaglianza. L’antifascismo è di tutti”, conclude il Partito democratico.
Un ampio servizio sul XXV Aprile nel Giornale di Seregno in edicola da oggi, martedì 27 aprile.

Necrologie