Attualità
Le rassicurazioni di BrianzAcque

Telefonano dicendo che non si può usare l'acqua del rubinetto ma non è vero

Diversi cittadini di Seregno hanno fatto segnalazione in Comune. Sul caso è intervenuta BrianzAcque che ha rassicurato: "L'acqua è sicura e controllata".

Telefonano dicendo che non si può usare l'acqua del rubinetto ma non è vero
Attualità Seregnese, 26 Luglio 2022 ore 15:04

Diverse segnalazioni sono giunte questa mattina, martedì 26 luglio, in Comune a Seregno da parte dei cittadini. I seregnesi che hanno telefonato all'Amministrazione comunale hanno raccontato di aver ricevuto una serie di telefonate da un fantomatico operatore BrianzAcque che consigliava loro di non utilizzare l'acqua del rubinetto di casa per presenza di batteri.

Telefonano dicendo che non si può usare l'acqua del rubinetto: allerta a Seregno

Nulla di più falso, come ha tenuto a sottolineare l’azienda pubblica che gestisce il servizio idrico integrato nella Provincia di Monza e Brianza. In particolare BrianzAcque precisa che "non esiste alcun batterio nocivo nell’acqua di rete che arriva a casa dei cittadini del Comune di Seregno, né tantomeno degli altri Comuni della Brianza". Inoltre "BrianzAcque non ha avviato alcuna comunicazione ai cittadini su questo tema".

Massima attenzione

L'azienda chiede quindi ai cittadini di prestare la massima attenzione su questi fenomeni e di segnalare tempestivamente alle Forze dell’Ordine ogni altra azione o episodio atti a seminare un ingiustificato terrore in tutta la cittadinanza, presumibilmente a scopo commerciale.

"L'acqua di Seregno, così come quella degli altri Comuni serviti, è come sempre di qualità ottima, sicura e controllata. Inoltre, come Azienda, stiamo valutando come tutelarci legalmente di fronte a questi episodi di truffa" - conclude BrianzAcque che ricorda: "in caso di dubbi o sospetti, è possibile contattare il numero verde gratuito del Call Center 800.005.191 per avere tutte le informazioni e rassicurazioni del caso".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie