Attualità
Sant'Agata

Un restauro da 450.000 euro per la chiesa parrocchiale di Ornago

La Comunità pastorale chiede aiuto ai fedeli per riqualificare gli affreschi.

Un restauro da 450.000 euro per la chiesa parrocchiale di Ornago
Attualità Vimercatese, 17 Aprile 2022 ore 10:43

Un restauro da 450.000 euro per la chiesa parrocchiale di Ornago. La Comunità pastorale Santa Maria Maddalena chiede aiuto ai fedeli per riqualificare gli affreschi.

Importante restauro pittorico

Non solo la chiesa di Bellusco al centro di importanti lavori di riqualificazione nella Comunità pastorale Santa Maria Maddalena.
A finire "sotto i ferri" sarà infatti anche la chiesa parrocchiale di Ornago, che nei prossimi mesi subirà un importante restauro pittorico.

"Quando si entra in chiesa si resta colpiti dalla festa di colori e di armonia dell’impianto pittorico, ma subito dopo se ne nota, purtroppo, il degrado - si legge in un’informativa diramata dalla parrocchia di Sant’Agata - Il ciclo decorativo pittorico della nostra chiesa è della metà del 1800. I due grandi affreschi dell’altare raffigurano altrettante vicende di Sant’Agata: a sinistra la Santa è confortata in prigione dalla visione di San Pietro e a destra è condotta e interrogata dal pretore romano. Il tondo centrale della volta raffigura la gloria di Sant’Agata che riceve la corona del martirio. Nel 1949 vennero eseguiti dai fratelli Marigliani di Bergamo l’affresco dell’abside raffigurante l’agonia del Getzemani e gli altri affreschi e decorazioni presenti in chiesa".

Obiettivo 450.000 euro

Un complesso importante, che necessita un intervento economicamente molto significativo: il preventivo, infatti, parla di circa 450.000 euro totali per portare a termine l’opera di restaurazione.

"Il nostro desiderio è quello di procedere in due fasi - La prima è quella della raccolta iniziale dei fondi. I lavori, infatti, potranno cominciare solo dopo il reperimento di un’adeguata copertura finanziaria. La parrocchia, al momento, non dispone di risorse finanziarie: il nostro sogno è un grande sogno proprio perché attualmente ciò che la parrocchia raccoglie serve per coprire la sola gestione ordinaria. Anche per questo la prima fase di raccolta dei fondi occuperà non meno di un anno e potrebbe terminare intorno al 5 febbraio 2023".

a seconda fase, di conseguenza, scatterebbe quindi a 2023 inoltrato. Molto, ovviamente, dipenderà dalla disponibilità e dalle offerte dei parrocchiani, che potranno scegliere di "adottare" una parte del restauro. Come spiegato dalla parrocchia, infatti, i fedeli potranno "adottare" una cappella laterale, un affresco del presbiterio, uno della navata centrale oppure di un singolo metro quadrato del restauro.

"All’adozione verrà collegata la possibilità di avere iscritto il proprio nome sull’Albo d’Oro e, in alcuni casi, di una targhetta a memoria".

Per chi volesse impegnare una cifra inferiore sarà invece possibile sottoscrivere una donazione mensile: "Agli aderenti con questa forma di contribuzione verrà data la Tessera di adesione e la possibilità dell’iscrizione all’Albo d’Oro - conclude la parrocchia - Un ringraziamento a tutti i nostri fedeli".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie