Attualità
A sostegno della Lilt

Una raccolta fondi in memoria di Luca

L'iniziativa dell'istituto Versari di Cesano Maderno, dove studiava il 17enne morto lo scorso dicembre.

Una raccolta fondi in memoria di Luca
Attualità Seregnese, 12 Gennaio 2023 ore 17:22

Una raccolta fondi in memoria di Luca. E’ il gesto con cui i docenti e i compagni di classe del 17enne morto lo scorso dicembre, vogliono onorare la sua memoria e trasformare in speranza il dolore per la tragedia che ha colpito l’intera comunità scolastica dell'Iris Versari di Cesano Maderno.

Una raccolta fondi in memoria di Luca

"Una tragedia che ci ha segnato tutti nel profondo" dicono dall’istituto di via Calabria dove i docenti, in collaborazione con i genitori di 4^AS, hanno lanciato una raccolta fondi da destinare, a nome di Luca, alla Lilt, la Lega Italiana per la lotta ai tumori. "La donazione sarà poi devoluta al reparto di Pediatria dell’Istituto nazionale dei tumori di Milano a favore dei bambini e delle famiglie con figli in cura per patologie oncologiche, al fine di implementare servizi e assistenza per creare un ambiente il più possibile sereno e accogliente, aiutando i pazienti durante la terapia e la degenza ospedaliera".

"Il gesto più bello per ricordarlo tutti insieme"

Sul sito internet della Lilt è stata creata una pagina dedicata alla raccolta fondi, dove sarà possibile donare, in modo anonimo, fino al 31 gennaio. Già raccolti più di 5mila euro. "Caro Luca, ancora sopraffatti dal dolore per la tua prematura scomparsa, ci stringiamo  con profonda partecipazione attorno alla tua famiglia - il messaggio dei compagni di classe - Per onorare la tua memoria, abbiamo deciso di aprire una raccolta fondi a sostegno dei bambini e ragazzi che, come hai dovuto fare tu, stanno lottando contro la malattia. Crediamo sia il gesto più bello per ricordarti tutti insieme".

L'abbraccio della comunità scolastica alla famiglia

Luca, colpito da un tumore molto aggressivo scoperto a inizio anno scolastico, si è spento il 9 dicembre, all’Istituto nazionale dei tumori di Milano, dove era in cura. Sottratto prematuramente alla vita e all’affetto dei suoi compagni e dei suoi docenti, che si sono stretti subito come in un unico calco abbraccio ai genitori e al fratello per cercare di asciugare le loro lacrime.

Seguici sui nostri canali
Necrologie