Attualità
Salute

Villa Reale in giallo per l'endometriosi

A Monza la sensibilizzazione sulla malattia che colpisce una donna su 10

Villa Reale in giallo per l'endometriosi
Attualità Monza, 24 Marzo 2022 ore 14:26

Una call to action per sensibilizzare sul tema dell’endometriosi, una malattia dolorosa e al momento senza cura. Il Comune di Monza, in occasione del mese della consapevolezza di questa patologia, illuminerà la Villa Reale di giallo.

Villa gialla per l'endometriosi

Il Comune di Monza ha accolto la proposta del Team Italy della Worldwide Endomarch “Facciamo luce sull’endometriosi” per supportare l’azione divulgativa rispetto alla problematica: sabato 26 marzo illuminerà di giallo la Villa Reale, il suo gioiello più significativo.

L’invito è stato accolto per aiutare i promotori nell’azione di divulgazione rispetto all’endometriosi e favorire la prevenzione di questa malattia cronica invalidante. Si stima che 1 donna su 10 ne soffra: 3 milioni in Italia e più di 175 milioni nel mondo.

Ne soffre una donna su 10

“Il Comune di Monza ha aderito con convinzione a questa campagna di sensibilizzazione, oltre che informativa – commenta il sindaco Dario Allevi – Per l’occasione coloriamo di giallo il nostro monumento più prestigioso per far conoscere a tutta la comunità una malattia così diffusa, che interessa il mondo femminile. Un appello, quindi, alle famiglie, alle ragazze, alle giovani donne della nostra città affinché porgano maggiore cura alla loro salute e trovino il tempo per attività di screening”.

Secondo il Ministero della Salute si stima che “in Italia sono affette da endometriosi il 10-15% delle donne in età riproduttiva; la patologia interessa circa il 30-50% delle donne infertili o che hanno difficolta a concepire. Le donne con diagnosi conclamata sono almeno 3 milioni. Il picco si verifica tra i 25 e i 35 anni, ma la patologia può comparire anche in fasce d’età più basse. La diagnosi arriva spesso dopo un percorso lungo e dispendioso, il più delle volte vissuto con gravi ripercussioni psicologiche per la donna”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie