Cesano Maderno

A nuoto dalla Sicilia alla Calabria

Luca Frigerio racconta la sua impresa nello Stretto di Messina.

A nuoto dalla Sicilia alla Calabria
Seregnese, 30 Settembre 2020 ore 10:42

A nuoto dalla Sicilia alla Calabria, l’impresa del cesanese Luca Frigerio.

A nuoto dalla Sicilia alla Calabria

A nuoto tra Scilla e Cariddi, tra la Sicilia e la Calabria. Ha impiegato un’ora, 3 minuti e 13 secondi, per attraversare a nuoto lo Stretto di Messina. Un tempo di tutto rispetto. Lui è il cesanese Luca Frigerio, 46 anni, cresciuto a Cascina Gaeta ma da anni residente a Cassina Savina, che venerdì 25 settembre 2020 ha partecipato alla Traversata amatoriale dello Stretto di Messina.

“Un’emozione unica”

Insieme a lui una ventina di temerari provenienti da tutto il mondo. Non si è trattato di una gara (una di quelle che pure vengono organizzate), ma di un’emozione unica iniziata sulla costa siciliana e terminata sulla costa calabrese dopo 3,4 chilometri di bracciate, fatica e determinazione. “Il mare era molto mosso, ma visto che l’importante è arrivare dall’altra parte, in casi come questo, posso dire che è andata comunque bene” spiega l’atleta cesanese.

A fare il tifo per lui la moglie

A fare il tifo per lui la moglie Raffaella, che lo segue sempre nelle sue imprese sportive e c’era anche questa volta a sostenerlo. “Quest’anno avevo in programma la traversata del Bosforo, dall’Europa all’Asia, ma causa Covid la nuotata, che ere prevista a luglio, è stata rimandata. Allora ho ripiegato sullo Stretto di Messina, che avevo già attraversato a nuoto due anni fa, la prima volta. Avevo impiegato dieci minuti in meno ad arrivare dall’altra parte, ma il mare, nel 2018, era decisamente più tranquillo e le condizioni meteo molto più favorevoli”.

Un passato nella corsa

Di professione tecnico delle telecomunicazioni, Frigerio arriva dalla corsa (con cui si è tolto diverse soddisfazioni, anni fa, in giro per l’Italia) e ha iniziato a nuotare nel gennaio di due anni fa, sei mesi prima della sua prima volta nello Stretto. Per prepararsi alla nuova traversata si è allenato ogni giorno, per un’ora, alla piscina di Cormano. Ora, tornato a casa, Frigerio inizierà ad allenarsi per la prossima nuotata, anche se non ha ancora scelto l’obiettivo da raggiungere, bracciata dopo bracciata.

TORNA ALLA HOME

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia