A processo per furto, ma l’imputato è morto da tre anni

Quando si dice "giustizia lumaca". Il giudice ha pronunciato la sentenza: non luogo a procedere per "estinzione del reato"

A processo per furto, ma l’imputato è morto da tre anni
11 Maggio 2018 ore 14:08

A processo per furto, ma l’imputato è morto da tre anni. Quando si dice “giustizia lumaca”. Il giudice ha pronunciato la sentenza: non luogo a procedere per “estinzione del reato”.

L’imputato a processo… da morto

Più che il reato, a “estinguersi” è stato il ladro. O il presunto tale, visto che l’imputato non avrà mai la possibilità di sentire la sentenza. Il caso in questione è emerso giovedì, in Tribunale, a Monza. Alla sbarra sarebbe dovuto comparire un uomo finito a processo per furto aggravato. E l’avvocato difensore si è presentato in Aula con il certificato di morte dell’assistito. Morte avvenuta a Cinisello Balsamo nel 2015, tre anni fa.

“Non luogo a procedere”

Al giudice sono bastati pochi istanti in Camera di consiglio per emettere la sentenza: “Non luogo a procedere per estinzione del reato”. Con buona pace di tutti. Anche del morto.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia