Un gesto inaspettato

A Vimercate arrivano nuovi presidi per la rianimazione pediatrica grazie a una donazione

Serviranno per le esigenze formative dei punti nascita di Vimercate, Carate Brianza e, dal l’1 gennaio prossimo, anche di Desio.

A Vimercate arrivano nuovi presidi per la rianimazione pediatrica grazie a una donazione
Cronaca Vimercatese, 04 Dicembre 2020 ore 11:23

Inaspettata donazione all’Ospedale di Vimercate: grazie a questa sono stati acquistati nuovi presidi per la rianimazione pediatrica.

A Vimercate arrivano nuovi presidi per la rianimazione pediatrica

Un gesto importante, ancor più prezioso in questo momento in cui tanti sforzi sono concentrati nella lotta al Covid, ma in cui permangono le esigenze e necessità anche di altri importanti reparti ospedalieri. Come quelli pediatrici.

E proprio alla Pediatria dell’Ospedale di Vimercate, nei giorni scorsi, è arrivata una donazione inaspettata da parte dell’azienda RedBox, che si occupa di materiale in carta e cartone, packaging e occorrente per il punto vendita, con sedi in tutta Italia tra cui quella a Mezzago.

“Quest’anno – spiegano i responsabili aziendali – abbiamo deciso di destinare un contributo, pari al corrispettivo di quanto avremmo speso in regali di natale per clienti e fornitori, ad una struttura ospedaliera locale vicina ai nostri stabilimenti”.

I kit per la formazione

L’ASST ha accettato la donazione e con la struttura di Pediatria è stato deciso l’acquisto di una serie di dispositivi per la formazione e l’addestramento alla rianimazione pediatrica.

Si tratta di un kit completo, costituito, racconta Marco Sala, primario della Pediatria, da due manichini, uno neonatale e un altro di taglia lattante, e di due strumenti di controllo, che permettono di avere due postazioni: una con simulazione a medio/alta fedeltà, con possibilità di costruire scenari complessi per l’addestramento di tutto il team di rianimazione. L’altra è con un dispositivo di controllo che è in grado di rilevare la correttezza di esecuzione delle manovre di rianimazione (intubazione, ventilazione, compressioni toraciche) e di suggerire come modificare i comportamenti scorretti.

Serviranno nei punti nascita di Vimercate, Carate e Desio

“Una acquisizione – aggiunge Sala – molto preziosa che copre le esigenze formative dei punti nascita di Vimercate, Carate Brianza e, dal l’1 gennaio prossimo, anche di Desio: un polo che potrà contare su quasi 4000 neonati all’anno”.

Nove parti su mille si complicano

E’ noto che “circa 9 parti su mille, in maniera per lo più inattesa – aggiunge il primario- si complicano per la nascita di un neonato con necessità di rianimazione immediata, e in questi casi la correttezza e la tempestività delle manovre è essenziale per la buona riuscita delle stesse: tutti i sanitari presenti al parto (ostetrica, infermieri, medici) devono quindi continuamente addestrarsi per operare in modo coordinato ed efficiente”.

Vivo e sincero il ringraziamento del Direttore Generale dell’ASST Nunzio Del Sorbo all’azienda che ha “sostenuto l’introduzione in ospedale di un sistema di elevato valore didattico, che qualifica ulteriormente l’affiatamento fra operatori e l’efficacia dell’intervento sul neonato o sul lattante”.

TORNA ALLA HOME 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità