Cronaca

Accattoni molesti, otto allontanamenti in dieci giorni

Solo un paio di settimane fa l'episodio accaduto a un dipendente comunale, insultato perché non aveva dato le elemosina a uno straniero.

Accattoni molesti, otto allontanamenti in dieci giorni
Cronaca Monza, 22 Settembre 2018 ore 11:09

Accattoni molesti, otto allontanamenti in dieci giorni. Solo un paio di settimane fa l'episodio accaduto a un dipendente comunale di Monza, insultato perché non aveva dato le elemosina a uno straniero.

Accattoni molesti

L'uomo stava procedendo a passo spedito per raggiungere un ufficio legale presso il quale aveva fissato un appuntamento importante. Ma a metà circa della strada, era stato bloccato da un extracomunitario di origini africane che, saltando i convenevoli, aveva preteso con vigore le elemosina, fermando fisicamente il dipendente comunale di Monza. A quel punto Vittorio Rossin, indispettito, aveva cercato di divincolarsi, facendo valere le proprie motivazioni. Ma l'altro non aveva sentito ragioni, aveva insistito, e quando aveva capito che non avrebbe ottenuto nulla, aveva iniziato a offenderlo pesantemente. Questo è solo uno dei precedenti. Uno dei tanti casi registrati in città, che può servire come traccia per descrivere il fenomeno dell'accattonaggio molesto.

Otto allontanamenti

Dopo la pausa estiva, però, sono ripresi i servizi degli agenti del Comando di via Marsala a Monza per vigilare sul decoro urbano. Servizi che derivano dalla diffusione di due apposite ordinanze di due mesi fa. Nel mirino, tra le altre cose, gli accatoni molesti nel centro storico della città. Colpiti negli ultimi giorni, cinque uomini e altrettante donne, con età comprese tra i 20 e i 30 anni, di origini africane e rom. Le persone raggiunte da queste ordinanze non posson ripresentarsi in centro per almeno 48 ore. In caso di violazione e di almeno due recidive, inoltre, i nominativi saranno sottoposti al Questore di Milano che potrebbe predisporre un Daspo urbano.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie