Lutto a Vedano al Lambro

Addio a Vittorio Farchi, uomo di cultura: scampò alla Shoah

Il 90enne, originario di Trieste, era stato una delle colonne delle iniziative in occasione della Giornata della Memoria

Addio a Vittorio Farchi, uomo di cultura: scampò alla Shoah
Cronaca Monza, 25 Luglio 2021 ore 19:19

La piccola Vedano al Lambro in queste ore si è stretta attorno alla famiglia di Vittorio Farchi, storico collezionista, politico e uomo di cultura.

Vedano piange Vittorio Farchi

Il vedanese, classe 1930, è mancato la notte scorsa nella sua casa in paese. Originario di Trieste, padre ebreo e madre cattolica, durante la guerra era scampato ai rastrellamenti riuscendo a fuggire a Roma riparando da alcune zie che lo avevano accolto come un figlio, crescendolo e facendolo appassionare a tutte le sfaccettature della cultura.

Dopo la Seconda guerra mondiale aveva proseguito gli studi, laureandosi in Matematica, e iniziando una lunga carriera che lo ha portato nel colosso Ibm.

Un uomo di cultura

Da sempre appassionato di cultura, insieme alla moglie condivideva la passione per il collezionismo che lo ha portato a organizzare - nel corso dei decenni - decine e decine di mostre che hanno animato la vita culturale e associativa della piccola Vedano.

Era una delle storiche colonne, e fu anche preziosa guida, in occasione delle varie iniziative organizzate per la Giornata della Memoria.

Vedano, al centro Vittorio Farchi
Vedano, al centro Vittorio Farchi

Negli anni Duemila era anche stato eletto consigliere comunale, diventandone poi presidente tra il 2001 e il 2006. E' stato tra i fondatori di Lista per Vedano, la civica che riunisce le anime progressiste e del Centrosinistra vedanese.

Ebreo non praticante, la famiglia ha fatto sapere che il corpo sarà cremato e non si terranno i funerali religiosi.

Il servizio completo sul Giornale di Monza in edicola da martedì 27 luglio.

Necrologie