Ancora critiche le condizioni del sulbiatese Marco Stucchi

Decine le persone che attendono notizie positive dopo l'intervento.

Ancora critiche le condizioni del sulbiatese Marco Stucchi
Vimercate, 16 Agosto 2018 ore 15:25

Dopo il grave incidente di ieri Marco Stucchi lotta ancora in terapia intensiva. Dopo il terribile scontro l’uomo di 41 anni ha subito un delicato intervento.

L’incidente in sella alla sua moto

E’ stato operato ieri all’ospedale di Varese il 41enne originario di Sulbiate e da poco residente a Viganò nel lecchese. L’uomo a causa dello scontro ha avuto delle emorragie interne che ora sembrano essere sotto controllo. La situazione si mantiene comunque critica e l’uomo è mantenuto in coma famarcologico in attesa dell’evolversi della situazione. Grande apprensione a Sulbiate, paese dove è cresciuto e dove è molto conosciuto anche per la sua militanza politica. Grande apprensione da parte del sindaco Carla Della Torre che ha voltuo commentare la notizia sul web. “Forza Marco, la notte è passata. Prenditi tutto il tempo ma combatti, non mollare. Un abbraccio”.

Lo schianto

Lo scontro è avvenuto ieri, ferragosto, poco prima delle 15.30 a Bevera di Castello Brianza. Per cause ancora da chiarire, il 41enne si è scontrato con un’automobile in via Lecco. Pare che entrambi i veicoli, un’autovettura Ford Fiesta e una potente moto Bmw, stessero viaggiando in direzione di Oggiono. La moto ha urtato violentemente la parte posteriore della vettura e il centauro è stato sbalzato di sella, cadendo pesantemente sull’asfalto. Le condizioni del motociclista sono apparse critiche fin da subito tanto che si è alzato in cielo l’elisocossorso da Milano che ha trasportato il centauro all’ospedale di circolo di Varese. Sul posto, insieme all’eliambulanza, sono arrivati i volontari della Croce Verde di Bosisio, che hanno stabilizzato il ferito prima di trasferirlo sull’elicottero, atterrato in un campo adiacente la strada, chiusa al traffico per consentire le operazioni di soccorso.

La dinamica del sinistro rimane al vaglio della Polizia Stradale e dei Carabinieri della Compagnia di Merate.