Cronaca
Contagi alti

Ancora zona rossa, prorogati i tavolini fuori

La decisione del Comune di Monza in previsione di una pandemia che picchia ancora forte

Ancora zona rossa, prorogati i tavolini fuori
Cronaca Monza, 25 Marzo 2021 ore 22:18

Saremo ancora zona rossa e la pandemia non accenna a diminuire. I contagi anche a Monza restano alti (oggi sono stati 57 in più di ieri solo in città e 444 in Brianza) e sono 287 i ricoverati in ospedale, di cui 117 solo nell'ultima settimana. Per questo il Comune di Monza ha deciso di prorogare ancora l'occupazione delle aree esterne per agevolare locali, attività e bar in previsione delle riaperture.

Ordinanza per l'occupazione

A seguito dell’approvazione del DL 41/2021 anche a Monza sono state prorogate le misure di sostegno alle imprese e agli operatori economici. In particolare è prorogata fino al 31/12/2021 l’autorizzazione in via straordinaria per l’occupazione di suolo pubblico fino al massimo del 100% della Slp dell’attività per la posa di tavolini, ombrelloni e strutture di carattere temporaneo o rimovibili, destinati alla somministrazione. Destinatari del provvedimento sono bar, ristoranti, locali di intrattenimento e attività commerciali, che possono chiedere o confermare la richiesta di incremento degli spazi a disposizione per meglio garantire il rispetto delle norme sul distanziamento sociale e sugli ingressi contingentati, previsti dai protocolli di prevenzione contro il Covid 19.

Le rassicurazioni del sindaco

Il provvedimento del Governo prevede inoltre la proroga fino al 30/6/2021 dell’esonero del pagamento della Cosap per le imprese. “Confermiamo qualsiasi misura possa essere di aiuto ai nostri commercianti, duramente provati da un anno di restrizioni per andare incontro alle loro esigenze e facilitare il momento della loro ripartenza”, spiega il sindaco Dario Allevi. Allevi ha anche auspicato la riapertura delle scuole la prima settimana di aprile almeno per i più piccoli. "Sarebbe un importante segnale di attenzione verso i bambini e loro famiglie che potrebbero tornare a vivere una psuedo-normalità".

Necrologie