Arcore, in arrivo 5 milioni di euro per riqualificare la stazione ferroviaria

Un corposo investimento finanziato totalmente da Rfi per abbattere le barriere architettoniche e rifare banchine e pensiline

Arcore, in arrivo 5 milioni di euro per riqualificare la stazione ferroviaria
06 Maggio 2017 ore 14:41

Cinque milioni di euro per portare a termine i lavori di riqualificazione della stazione ferroviaria di via Martiri della Llibertà.

L’ingente somma, come anticipato meno di un mese fa dal Giornale di Vimercate,  verrà messa totalmente a disposizione da Rfi e i lavori partiranno già da lunedì, dopodomani.

 

L’annuncio in pompa magna del sindaco

A dare l’annuncio dell’imminente avvio dei lavori è stato il sindaco Rosalba Colombo attraverso la sua pagina Facebook.

“Quando fu ristrutturata la stazione arrivarono critiche perché non furono abbattute le barriere architettoniche riguardanti marciapiedi bassi, mancanza di ascensori e sottopasso – ha sottolineato il primo cittadino – Noi avevamo promesso che con Rfi avremmo insistito per far finire i lavori e rendere accessibile la stazione a tutti. Bene, ce l’abbiamo fatta! I lavori di cantierizzazione inizieranno l’ 8 maggio. E’ stata lunga e difficile, ma grazie anche alla nostra tenacia, i lavori partiranno”.

Il dettaglio dei lavori

I lavori, nello specifico, riguarderanno: l’innalzamento dei marciapiedi sul fronte di Piazza Martiri della Libertà, l’installazione di tre ascensori per l’abbattimento delle barriere architettoniche con accesso da via Roma e da tutti  i binari.

Inoltre verrà creata una nuova pensilina tra il secondo e il terzo binario, la nuova pensilina che coprirà la rampa di scale per accedere al parcheggio fronte cimitero, l’allargamento della banchina tra il secondo e il terzo binaio, previo spostamento di quest’ultimo per consentire consentire l’alloggiamento dell’ascensore. Infine verrà anche riqualificato esteticamente il sottopassaggio pedonale.

Rodrigo Ferrario

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia